Ritocchi regolamentari in corso d'opera, per le norme sportive del mondiale di Formula 1. L'ultima revisione validata dalla FIA interviene per apportare delle novità relativamente all'ultimo test dopo il Gran Premio di Abu Dhabi, il consueto test di verifica delle specifiche finali delle gomme Pirelli.

La due giorni di prove, come al solito prevista al martedì e mercoledì successivi al GP, prevede l'obbligo per i team di schierare due monoposto, con specifiche diverse e obiettivi di lavoro differenti. Una macchina dovrà andare in pista nelle specifiche utilizzate almeno nel corso di un evento nel 2021 e potrà essere impiegata solo nella prima giornata di test, quando dovrà necessariamente essere affidata a un pilota debuttante, che non abbia all'attivo più di 2 Gran Premi corsi in F1.

Calendario F1, GP degli USA e Messico confermati

Macchina "Lab" e piloti titolari

La seconda monoposto può essere una macchina laboratorio, che abbia partecipato a un campionato dal 2018 al 2021, in grado di ospitare i cerchi da 18 pollici e le relative gomme Pirelli 2022. Le squadre che non dovessero avere una monoposto idonea non potranno partecipare al test. La monoposto sulla quale verranno provate le gomme 2022 dovrà essere guidata obbligatoriamente da un pilota che abbia preso parte almeno a una gara nel corso del 2021.

Sempre relativamente all'ambito gomme, è rimossa la regola che prevedeva l'utilizzo di un treno di gomme nei primi 40 minuti delle prove libere 1, durante il week end di gara; treno di gomme da restituire successivamente a Pirelli.

Qualifica sprint, le regole sull'utilizzo delle gomme Pirelli

GP a porte chiuse, più personale in pista

In tema di personale presente sui campi di gara, nei week end a porte chiuse, le squadre potranno contare 95 persone anziché le 90 ammesse finora, presenti in pista. Resta invariato il numero di 60 per le figure operative, al lavoro sulle monoposto.