GP Abu Dhabi, Yas Marina presenta il nuovo look

GP Abu Dhabi, Yas Marina presenta il nuovo look© Abu Dhabi Motorsports

Le modifiche nel primo settore e al termine del secondo lungo rettilineo dovrebbero migliorare le possibilità di sorpasso

Presente in

F.P.

9 novembre

Mentre a Jeddah si lavora freneticamente per allestire il circuito che ospiterà il primo GP dell'Arabia Saudita, ad Abu Dhabi il promoter ha presentato le modifiche apportate alla tracciatura di Yas Marina, con l'intento di creare opportunità di sorpasso e gare molto meno monotone di quanto non sia solita offrire Abu Dhabi.

"Speriamo ovviamente che sia un GP decisivo per il campionato, per come stanno le cose adesso. Non vediamo l'ora che si decida sul filo di lana ad Abu Dhabi", spera Saif Al Noaimi, vice a.d. di Abu Dhabi Motorsports Management.

Una speranza tutt'altro che solida, visti i 19 punti di vantaggio di Verstappen, un potenziale di 11 ulteriori punti di allungo con quel che sarà in palio a Interlagos, sede della Qualifica sprint. Più le incognite Losail e Jeddah.

Leggi anche - Wolff: "Vittoria fuori portata, in Brasile saremo più vicini"

Addio varianti

Quale Yas Marina troverà la Formula 1 il prossimo dicembre? Un circuito molto più veloce nel tempo sul giro, che ha abolito diverse varianti: "Le modifiche nel primo tratto sono al tornante nord, abbiamo cambiato la chicane e reso la curva più ampia nella configurazione Formula 1 (adesso si affronterà un tornantone con una staccata importante, anziché passare dalla prima variante e successivamente affrontare il tornantino; ndr). La seconda parte degli interventi sono nella configurazione a sud, l'entrata nella sezione Marina. Abbiamo eliminato una serie di curve a 90 gradi in contropendenza, a favore di un'unica curva con del banking.

Adesso il passaggio di South Marina è più ampio e consente diverse traiettorie ai piloti. Siamo ottimisti quindi che vedremo delle battaglie ruote a ruota e, speriamo, dei sorpassi", ha aggiunto Al Noaimi, nel presentare le novità del circuito alla stampa.

© Abu Dhabi Motorsports

Staccata da sorpasso nel T1

Interventi apportati anche alla curva dell'hotel 7 stelle, una 90 gradi adesso più aperta: "L'obiettivo principale qui era di aumentare le possibilità di sorpasso e consentire ai piloti di stare più vicini".

Sono l'approccio al primo tornante e l'eliminazione della stretta variante al termine del secondo rettilineo che rappresentano i più significativi interventi, con potenziali ricadute sulle possibilità di sorpasso: "Certe curve, per come erano, facevano sì che le macchine non potessero seguire l'una l'altra. Ciò che abbiamo fatto al tornante nord è stato spostare il punto di frenata più vicino alle tribune. Speriamo, in ragione della maggiore larghezza della pista, di vedere un paio di macchine affiancate e, chi sta davanti, può pensare a come difendersi", spiega Mark Hughes, direttore generale di Mrk1 Consulting.


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi