Una sfumatura di rosa tra il Rosso di Maranello. La Ferrari Driver Academy apre le sue porte al talento femminile per cercare, per la prima volta nella sua quasi centenaria storia, un pilota donna e accrescerne le capacità alla guida di una monoposto. Grazie al progetto "Girls on track" sono 4 le ragazze, con un'età compresa tra i 14 e i 16 anni, che hanno superato le dure selezioni, e che sono in lizza per un solo posto disponibile del vivaio del Cavallino.

Da 70 candidate, provenienti da 5 continenti del “Fia Girls on Track - Rising Stars”, a un poker di giovane donne pronte a coronare il proprio sogno e indossare casco, tuta e guanti per guidare in Formula 1.

"Abbiamo visto un livello molto alto di determinazione e concentrazione, con progressi molto rapidi - ha detto Michèle Mouton, 69 anni, ex pilota di rally francese e presidente dal 2009 della Fia Women nella Motorsport Commission -. Per le finaliste è l’opportunità che potrebbe cambiare le loro giovani carriere". 

Mick Schumi dopo la delusione GP Eifel si consola con la Ferrari F8 Tributo

La vincitrice correrà in F.4 nel 2021

Le brasiliane Jjulia Ayoub e Antonella Bassani, la francese Doriane Pin e la belga/olandese Maya Weug cercheranno di ripercorrere le orme di Leclerc, dell'indimenticabile Jules Bianchi, Perez e Stroll, Mick Schumacher e tanti altri. E di guadagnarsi un posto magari chissà in un futuro prossimo anche in Formula 1. Ma solo una alla fine potrà firmerà un contratto di un anno in Ferrari e avrà la chance di gareggiare nel campionato di Formula 4 nella stagione 2021.

Le ragazze da ieri lunedì 9 novembre e fino a venerdì 13 novembre saranno in pista a Fiorano per testare la velocità in pista, la gestione delle gomme, prendere confidenza col paddock e tutto l'ambiente esterno al circuito e infine gestire le relazioni con i media e con tutto il team. 

Una settimana di vero e proprio Training Camp che ha portato le future pilote anche in Francia, sul Paul Ricard, per una simulazione di gara completa, con la lotta per la pole position, vinta proprio dalla francese, 16 giri di gara, interviste, anti-doping e anti-alcol. E solo alla fine del