Dopo l'ePrix di Sanya, cancellato causa coronavirus, tocca all’ePrix di Roma registrare l'annullamento definitivo della tappa italiana. Quello che si presentava come un probabilissimo scenario, dopo l’applicazione delle disposizioni del governo, con l’annullamento di tutte le manifestazioni sportive a Roma fino al 3 aprile, diventa realtà.

ePrix di Roma originariamente in calendario il 4 aprile e prossima tappa del campionato reduce dal passaggio di Marrakech. Il promoter e gli organizzatori non assicurano un nuovo posizionamento in calendario, legato ovviamente all’evoluzione dello scenario Coronavirus e le disposizioni per contenere i rischi di una diffusione del contagio.

A meno di un mese dall’appuntamento romano con la Formula E, chi è già in possesso di un tagliando verrà contattato nei prossimi giorni.

Il comunicato della F.E

“Come conseguenza dell’emergenza sanitaria in corso in Italia e secondo le disposizioni del decreto ministeriale relativo alle misure per contrastare e contenere la diffusione nel Paese del Covid-19 – che comprendono eventi sportivi con grandi folle e spettatori a stretto contatto – non sarà più possibile ospitare l’ePrix di Roma il 4 aprile 2020.

La Formula E, d’accordo con le autorità a Roma, EUR Spa e insieme con la FIA e l’Automobil Club d’Italia, lavorerà a stretto contatto con i partner del campionato e i detentori di interessi per valutare ed esaminare opzioni alternative per rinviare l’ePrix di Roma a una data successiva, una volta che le restrizioni saranno state rimosse”.

La serie elettrica tornerà in pista il 18 aprile prossimo a Parigi, secondo il calendario originario.