E' un Nico Rosberg che si augura finisca come nel 2014, a Hockenheim, domenica prossima. L'ultima apparizione della Formula 1 in Germania vide Nico vincere senza problemi davanti a Bottas, Hamilton terzo dopo una rimonta dal fondo dello schieramento, causa uscita in qualifica per la rottura di un disco, quando andò a sbattere alla curva Sachs. Per riprendersi la testa del campionato basterebbe anche una doppietta con vittoria, a Rosberg. L'interrogativo è se in casa riuscirà a spezzare la serie positiva di Hamilton, che da Monaco a Budapest è incappato solo nella battuta d'arresto di Baku. 

«E' stato deludente perdere la gara alla prima curva in Ungheria, ma ero davvero contento della mia velocità per tutto il week end e questo mi dà sicurezza. Sono felice di tornare in macchina così presto e in particolare di farlo nel mio secondo gran premio di casa», racconta Nico. 

«Spero di poter ripetere quest'anno la vittoria del 2014, per i tifosi e per tutta la Mercedes, spingerò a fondo per ottenere il risultato che meritano, prima che prendano del tempo per ricaricare le batterie».

Se all'Hungaroring la battaglia era chiaro si sarebbe decisa nello spunto al via, a Hockenheim ci saranno maggiori chance di provare a recuperare, non da ultimo con la strategia, che Paddy Lowe mette nel mirino: «Abbiamo la stessa abbinata di mescole dell'Ungheria, con le medie, le morbide e le supermorbide, ma la pista è un po' più aggressiva e vedremo, probabilmente, una gamma di diverse opzioni strategiche in gara». Un occhio andrà rivolto anche al cielo, viste le previsioni meteo che danno nuvoloso e rischio pioggia da venerdì a domenica. 

Hamilton e Rosberg: Formula Social

In terra tedesca è a digiuno dal 2011, Lewis Hamilton. Allora vinse al Nurburgring, mentre per trovare un successo a Hockenheim si deve riavvolgere il nastro dei ricordi fino al 2008. Un'eternità. «E' grandioso tornare a correre i nGermania, un'altra delle gare di casa del team, dopo Silverstone. L'ultima vittoria a Hockenheim risale al 2008 e sembra sia stata una vita fa. Ho ricordi fantastici del circuito e del paese stesso, ho corso parecchio a inizio carriera, nelle formule junior e già allora facevo parte della famiglia Mercedes. Sarebbe fantastico ottenere un altro successo per tutti i dipendenti Mercedes e per la squadra, prima della sosta estiva. 

Le ultime gare sono andate bene e mi troverò in forma se riuscirò a proseguire la serie anche questo fine settimana».

Allison lascia la Ferrari

Sterzi a parte: F1 prevedibile più di Don Matteo