Non solo Ferrari, tra le squadre che porteranno aggiornamenti alla monoposto in Francia. Al Paul Ricard si vedrà anche un’Alfa Romeo evoluta, obbligata a ritrovare competitività e punti in gara, per invertire una parabola discendente dopo prime gare del campionato da buona protagonista tra le squadre di seconda fascia.

Nel “mondiale degli altri” sono in ascesa le quotazioni Renault, reduce da un week end canadese in gran spolvero. McLaren avrebbe potuto ottenere altro, se non fosse toccato il ritiro a Lando Norris. Racing Point continua con la politica dei piccoli passi (punti) con buona frequenza. Poi, Toro Rosso, veloce in Canada e con la spinta dei cavalli Honda in arrivo da venerdì.

DAL GP DI FRANCIA IL PIANO DI SVILUPPO

Frederic Vasseur riconosce le prestazioni insufficienti in questa fase di campionato, “le ultime tre gare non sono andate secondo i piani, ma sarebbe troppo facile relegare tutto alla cattiva sorte o circostanze sfortunate”. Appunto, c’è una monoposto che manca di grip, uno degli aspetti lamentati da Raikkonen.

F1 2021, Carey: lavoriamo a una lunga lista di suggerimenti

“Come squadra dobbiamo fare meno errori e lavorare più duramente, quel che abbiamo fatto dopo il rientro dal Canada, per estrarre tutto il potenziale dalla macchina.

Non c’è motivo, al tempo stesso, per abbatterci, stiamo dimostrando uno spirito battagliero e trarremo il massimo dagli sviluppi che abbiamo in arrivo nelle prossime gare”, aggiunge Vasseur. Il Gran Premio di Francia, una prima fase nell’evoluzione della C38.

Honda, GP di Francia con la power unit Spec 3 su Red Bull

E con Ferrari a produrre novità sulla SF90, monoposto filosoficamente simile nell’interpretazione offerta dell’ala anteriore, sarà interessante leggere eventuali punti di contatto nelle strade adottate per sviluppare le due monoposto. “Ho fiducia che potremo recuperare la velocità mostrata a inizio stagione e ritornare in lotta per i punti”, ha concluso il team principal.

Aderenza e velocità, le cause della scarsa competitività mostrata da Alfa Romeo, come sottolineato da Kimi Raikkonen: “Recentemente abbiamo faticato con grip e, inoltre, non avevamo sufficiente velocità.

In alcune curve la macchina andava bene, in altre si comportava in modo molto strano, i nuovi pezzi che avremo in Francia dovrebbero aiutarci a tornare alle prestazioni che avevamo a inizio stagione”.