Le voci di corridoio lo vorrebbero nel 2021 in Mercedes, ma Max Verstappen per ora non ha intenzione di cedere nemmeno un millimetro per alimentare il toto nomi, in vista delle prossime trattative per il mercato piloti. Tra Ferrari e le Frecce d'argento il pilota olandese pensa solo a correre l'ultimo Gp della stagione 2019 in Formula 1, quello di Abu Dhabi sul circuito di Yas Marina. C'è una lotta per il terzo posto nella classifica piloti da vincere, con 11 punti di vantaggio su Leclerc alle sue spalle.

F1, GP Abu Dhabi: Vettel salat la conferenza stampa, è nato il terzo figlio

E il protagonista assoluto del Gp del Brasile, con una vittoria da manuale, è pronto a chiudere ad Abu Dhabi il suo quinto Mondiale con un'altra lectio magistralis, magari anche con la macchina più veloce tra tutti i team: "Sarebbe bello ma non lo so, lo scopriremo. Se guardiamo la stagione bisogna dire che Mercedes avrà la monoposto più veloce, ma vedremo come si svilupperà il weekend perché tutto dipenderà da chi troverà l'asssetto giusto. Nelle ultime gare i tre team principali sono stati molto vicini l'uno con l'altro. Credo che la situazione si ripeterà anche qui a Yas Marina, ovviamente spero che la situazione migliori per noi".

Honda e Red Bull insieme per dare il massimo nel 2020

La prima stagione del team Red Bull con la power unit Honda è anadata al di là delle aspetattive: "E' stata una stagione molto promettente abbiamo anche ottenuto buoni risultati. Per me la cosa più importante è stata soprattutto l'affidabilità della monoposto. In quello siamo stati molto forti per tutta la stagione, anche i progressi al motore indicano una tendenza molto positiva.

In ogni caso vogliamo sempre di più, quindi non siamo mai soddisfatti di quello che facciamo. La stagione è positiva ed è buona base per il 2020. Abbiamo imparato molto dutrante tutti questi Gp e sono fiducioso che il prossimo anno inizieremo col piede giusto". 

Raikkonen, GP Abu Dhabi: stagione Alfa Romeo dai due volti

Primo titolo in F1? Ci vuole fortuna

L'obiettivo è sicuramente portare a casa il primo titolo iridato magari nel 2021: "Dobbiamo aspettare per vedere che Mondiale sarà il prossimo, dipenderà anche dagli altri. Certo raggiungere i sei titoli di Hamilton potrebbere essere un obiettivo, ma io pensavo a 10 (ride, ndr).

Non bisogna pensare così. c'è il 50% delle possibilità: succede di vincere o no. Bisogna fare il meglio possibile, poic'è bisogno di un pizzico di fortuna: trovarti nella macchina giusta nel momento giusto e col team dominantei  grado di vicnere per tanti anni consecutivi. Dipende anche quanto dura la tua carriera. Mi piacerebbe che succedesse, ma anche vincerne uno sarebbe una vittoria".

La lotta con Leclerc e il 2020

Abu Dhabi è soprattutto la conquista del terzo posto in classifica contro Leclerc, l'obiettivo di Yas Marina ma chiaramete non della sua carriera promettente: "Sempre meglio terzo che quarto o quinto. Ma se tra vent'anni dovessi guardarmi inidietro e vedere solo quello allora non sarei contento. Siamo qui per vincere e lottare per il titolo. 

La terza stagione alla Red Bull è giuta alla fine e le tante lotte per la pole hanno dato fiducia a Verstappen e alla sua RB15: "Se la macchina è quella più vincina per raggiungere il titolo? Si penso che sia così, vincente: daremo tutto per lottare e daremo tutto per vincere come team. Spero che potremmo lottare per il titolo tutto qui. Non cambierei altro per la prossima stagione".