Non è detto che Daniel Ricciardo resti alla Renault, ma di sicuro per lui l'opzione Red Bull, di cui si era parlato recentemente, non è fattibile. Parola di Alain Prost, secondo il quale il team di Milton Keynes è troppo concentrato su Verstappen per essere una soluzione nel futuro di Ricciardo.

Daniel Ricciardo saluta l'Italia

Il rinnovo tra Ricciardo e la Renault

Daniel Ricciardo è un pezzo pregiatissimo del mercato piloti, ed il suo contratto con la Renault in scadenza nel 2020 fa sì che Daniel sia al momento di fatto sul mercato. L'assenza di gare però rende tutto più complicato, perché in pratica non c'è niente di cui parlare e tanti contratti dovranno essere firmati al buio. Questa l'idea sull'eventuale rinnovo tra Ricciardo e la Renault di Alain Prost, tramite le sue parole raccolte da Canal Plus: "Il contratto tra Daniel e la Renault scade nel 2020, e noi non abbiamo nessuna opzione su di lui. Non siamo noi ad avere le carte in mano. Nel 2021 ci saranno ancora le regole 2020 e per noi questo non è ideale. Le discussioni con Ricciardo sono sempre serene e positive, con noi ha scelto un piano per salire al vertice della F1 insieme. Da un lato, Daniel vuole continuare a correre con noi".

Gp Azerbaijan, il tempo limite per la F1

Porte chiuse in Red Bull

Senza Gp, in pochi sembrano intenzionati a fare cambiamenti e questo potrebbe giocare a favore della Renault, con Ricciardo che potrebbe anche accettare di rinnovare con la scuderia francese. Voci Ferrari a parte, secondo le quali viene indicato come possibile sostituto di Vettel, secondo Alain Prost le porte per Ricciardo alla Red Bull sono chiuse: "Il team supporta Max Verstappen al 100%, non credo dunque che per Daniel il ritorno alla Red Bull sia una strada percorribile".

Hockenheim discute il ritorno in calendario