Daniel Ricciardo a un passo dal podio al Mugello. L’australiano ha chiuso al quarto posto, in Toscana, dopo gli incidenti e le due bandiere rosse che hanno animato il GP allo Scarperia.

Anche se Ocon è stato sfortunato a non poter riprendere la gara a causa di un surriscaldamento ai freni dopo la prima interruzione, è singolare notare come i punti e le prestazioni più convincenti, in stagione, li stia portando il pilota “separato in casa”, Ricciardo, già promesso sposo McLaren per il 2021.

"Sono davvero contento della gara di oggi ancora una volta abbiamo sfiorato il podio. È stata una giornata lunga, una con interruzioni e incidenti, ma la cosa principale è che tutti i piloti stanno bene” ha dichiarato Ricciardo.

Quello che poteva essere una giornata storica per la Casa della Losanga, che poteva tornare sul podio dopo 9 anni di assenza, si stava materializzando tutta dopo la seconda ripartenza.

Ricciardo è stato autore di uno scatto fulmineo, tanto da superare subito Bottas e accarezzare l’idea di mettere in difficoltà Hamilton, ma l’acquolina in bocca è durata pochi giri. Bottas prima e Albon dopo, hanno fatto scendere giù dal podio la R.S.20 che, come ammesso dallo stesso Daniel, non ha ancora la stessa velocità degli avversari.

“Eravamo terzi verso la fine della gara, è un peccato aver solo sfiorato l’obiettivo. Non possiamo avvicinarci più di così, ma continueremo a spingere. La partenza è state buone, ho passato Bottas, ma lui e Albon sono stati troppo veloci per noi. Fa male non essere sul podio dopo, ma il quarto posto è un grande risultato”.

E con una Renault così, dalle parti di Oviedo c’è qualcuno che inizia a sfregarsi le mani.