A supportare il ritorno del GP di Turchia in calendario era arrivata anche una campagna di vendita dei biglietti a prezzi irrisori, poche manciate di euro per un tagliando. I propositi del promoter subiscono un drastico ridimensionamento con la notizia che, nel week end del 15 novembre prossimo, il GP di Formula 1 a Istanbul si disputerà a porte chiuse.

Sterzi a parte: Il turbo ibrido è il male assoluto

Niente pubblico ammesso sulle tribune, come da disposizioni governative: "Nel rispetto delle raccomandazioni del Comitato provinciale di Istanbul per la pandemia, il GP di Turchia 2020 si terrà senza spettatori", così la breve nota riportata dalla tv di Stato.

Il Paese ha registrato un incremento di 1.429 casi di persone infette nella conta giornaliera dei contagiati da coronavirus, su un totale di oltre 324 mila casi dall'inizio dell'emergenza. Quanto ai decessi, 57 persone morte nella giornata di ieri, per un totale di 8.441 decessi.

Kart, a Lonato la follia di Corberi rovina il mondiale KZ

Scenario diverso da quello che la Formula 1 ha vissuto a Sochi e confermerà nel week end del GP dell'Eifel al Nurburgring, dove la presenza di pubblico ammessa sarà di 20 mila spettatori in ciascuna giornata del fine settimana.