Sembra una situazione irreale per un pilota così veloce, eppure per Sergio Perez il futuro è sempre molto in bilico. A breve sapremo in via ufficiale che cosa farà il messicano nella prossima stagione, ma sarà o tutto o niente: o sarà Red Bull oppure anno sabbatico.

Formula 2, Mick Schumacher a caccia del titolo. Classifica ed orari del fine settimana

Non c'è una via di mezzo

Lo ha spiegato lui stesso nella conferenza stampa del GP del Bahrain: "Sono qui da molti anni, voglio continuare e penso di essere all'apice della mia carriera, ma c'è solo un'opzione. Il piano A è continuare, il piano B quello di fermarsi per un anno. Voglio proseguire ma per una ragione, per uno scopo e con un buon progetto. Se non avrò un sedile in F1 il prossimo anno non mi vedo a fare nient'altro, in quel caso mi prenderò un anno sabbatico per decidere cosa voglio fare, e valutare se veramente mi mancherà".

Hamilton: "Ferrari un'icona, ma non rispecchia i miei valori"

C'è altro oltre alle corse

Perez ha concluso dicendo che c'è anche altro nella vita: "Molti piloti si ritirano e dopo sei mesi diventano pazzi e vogliono fare tutto ciò che è disponibile, io dovrò valutare perché non ho mai avuto un'esperienza simile in vita mia. Dovrò vedere com'è la vita lontano dallo sport, dovrò vedere come starò senza corse, vedere se ne ho realmente bisogno e capire se davvero mi mancano, altrimenti valutare se ci sono anche altre categorie alle quali sono interessato, oppure decidere se fare qualcos'altro lontano dal motorsport. Ho molti interessi fuori dalle gare, ho una famiglia ed altre cose. Sono ancora giovane, pensavo in futuro di vedermi impegnato in qualche altra occupazione ma non intorno ai 30 anni, ma se capiterà prima sarò felice di perseguire quell'opzione".

Maradona, l'omaggio del mondo F1