Il Gran Premio di Abu Dhabi ha messo fine alla stagione 2020 della F1 e anche al biennio di Ricciardo con la Renault. L’australiano è stato uno dei protagonisti della crescita della scuderia transalpina che, dal fondo della classifica, è passata ad essere una delle forze del midfield, chiudendo il campionato dietro la Racing Point.

GP Abu Dhabi: la vittoria di Verstappen

Ricciardo, dunque, termina la sua esperienza in “giallo nero”, prima di passare in McLaren, con due podi in totale e questo GP chiuso al settimo posto, grazie alla strategie e all’ottima gestione delle gomme nel primo stint di gara, durato ben 36 giri con le hard.

"Considerando che siamo partiti undicesimi, sono molto soddisfatto della settima posizione di questa sera - ha dichiarato Daniel - Il mio stint con le gomme Hard all'inizio è stato buono e la macchina e il bilanciamento della vettura è stato ottimale per tutto il tempo. La Safety Car ci ha cambiato le carte in tavola e non siamo riusciti a trovare il passo per raggiungere chi ci stava davanti. So che non abbiamo preso il terzo posto nel Campionato Costruttori ma, nel complesso, è stata una stagione positiva per la squadra e rispetto allo scorso anno è un grande passo avanti. Merci beaucoup al team per questi due anni fantasticii!".