Da super-favoriti a un giovedì che vede Red Bull e soprattutto Max Verstappen per nulla soddisfatti dei primi passi mossi a Monaco. 

Quarto tempo per Max, 4 decimi dalla prestazione di Leclerc, a un soffio da Hamilton ma senza quelle sensazioni giuste che ci si poteva aspettare dopo due sessioni di prove libere. 

GP Monaco, libere 2: due Ferrari al comando

Inizio difficile

"Siamo troppo lenti e non di poco, ma parecchio. Dobbiamo trovare del passo perché tutti gli altri vanno veloci e noi dobbiamo cercare i settori ottimali", commenta a caldo Verstappen.

"Non ho avuto grandi sensazioni al volante, solitamente sono più a mio agio, c'è voluto molto tempo per trovare il feeling. È un week end difficile finora". Commenti negativi sui quali ci sarà ancora tempo, tutta la giornata del venerdì, per lavorare e presentarsi nelle libere 3 del sabato con una macchina che soddisfi Max. Perez è ancora più indietro, rimedia 7 decimi sul giro veloce, dopo essere stato al mattino il più rapido. 

Sorpresa Ferrari ma Red Bull troppo lenta

Guarda gli avversari e se Hamilton è lì a 7 millesimi, la sorpresa è trovare una Ferrari in una forma da uno-due. Ecco, è indicatore della competitività nel lento della SF21 ma diventa anche benchmark per Red Bull su un miglioramento assolutamente da trovare: "Sono sorpreso della competitività Ferrari, loro stanno facendo molto bene e noi siamo molto deboli.

Ali flessibili, McLaren critica il rinvio dei nuovi test al GP di Francia

Il distacco è ampio, per fortuna domani avremo una giornata libera e potremo lavorare ma ci sono tanate cose da cambiare. Il gap è grande, dobbiamo migliorare per eguagliare la Ferrari", chiosa Max.

I tempi delle prove libere 2