Miglior tempo per Lewis Hamilton al termine delle FP1 del GP di Turchia. L'inglese si è messo davanti a Max Verstappen ed a Charles Leclerc, rispettivamente secondo e terzo alla fine del primo turno di libere.

Ufficiale: dieci posizioni di penalitò per Hamilton


Ferrari, troppo sottosterzo

Il numero 44 ha fermato il cronometro sull'1'24"178, facendo meglio di Verstappen per 425 millesimi. Un divario non banale, probabilmente in parte dovuto ad un utilizzo più spinto della Pu da parte della Mercedes, che ha montato sulla vettura di Hamilton un nuovo endotermico. Leclerc si è piazzato al terzo posto mostrando complessivamente una buona Ferrari (0"476 il distacco dal vertice), anche se sia lui che il compagno di squadra Sainz (5° a 0"682) hanno lamentato un fastidioso sottosterzo nelle curve veloci che ha richiesto un aumento di carico all'anteriore prima di cominciare la prima simulazione di passo gara del weekend negli ultimi minuti delle FP1. Tra le due Ferrari si è piazzato Bottas, mentre dietro a Sainz si sono classificati Ocon, Norris, Gasly, Alonso e Perez.

Honda, Yamamoto non esclude un ritorno in F1


Asfalto promosso

Il primo a promuovere il nuovo asfalto è stato Norris, poi a cascata tutti gli altri piloti hanno detto la stessa cosa. I trattamenti sul circuito dell'Istanbul Park sono riusciti nel loro intento, garantendo una maggior aderenza dopo il disastro del 2020. 

Lavoro per il 2022

Ferrari ed Aston Martin hanno mandato in pista rispettivamente Sainz e Vettel con rastrelli diversi dal solito, che andavano a ricercare i flussi che dovrebbero esserci con le vetture dell'anno prossimo. Lo spagnolo al posteriore ha mostrato una "griglia" molto corposa, mentre Seb ha girato con due "antenne", una per lato, sull'ala anteriore. Per la Ferrari i test in queste FP1 non sono finiti qui, con Carlos a testare anche lui per la prima volta la nuova power unit del Cavallino che ha già debuttato a Sochi con Leclerc: l'attenzione è rivolta soprattutto al tipo di tecnologia, con una batteria di nuova concezione che rompe con il passato.

Sainz: "Nuovo motore? Partire ultimo è il miglior test"


Debutto per i nuovi guanti

E' stata una FP1 con uno sguardo al futuro, perché oltre alle prove da parte delle varie squadre come detto al paragrafo precedente, la F1 ha fatto debuttare il prototipo dei nuovi guanti. Questo nuovo tipo di guanti è stato indossato da Hamilton, Vettel, Sainz, Ricciardo e Russell e rappresenta il primo prototipo basato sugli studi cominciati con l'incidente a Sakhir dell'anno scorso di Romain Grosjean. I guanti sono stati progettati per proteggere meglio i piloti dal fuoco.

Leclerc: "La voglia di vincere è aumentata dal 2020"

I tempi