Guerra in Ucraina, chiesta alla FIA l'esclusione dei piloti russi

Guerra in Ucraina, chiesta alla FIA l'esclusione dei piloti russi© F. Basile - FB PhotoImages

L'autorità nazionale ucraina ha avanzato una serie di richieste alla Federazione, tra cui il divieto di gareggiare per i piloti con licenza rilasciata dalla Russia o Bielorussia. Ben Sulayem ha scritto al presidente Kostyuchenko

Presente in

Fabiano Polimeni

28 febbraio 2022

Leonid Kostyuchenko è il presidente della federazione automobilistica ucraina, autorità sportiva nazionale rappresentata presso la FIA. A Kiev si resiste all'invasione russa, in una guerra contro la quale lo sport si è mobilitato in diverse forme.

La Formula 1 ha dichiarato la cancellazione di fatto del GP di Russia, in programma il prossimo 25 settembre. Dalla prospettiva strettamente legata alle corse, lo scorso 22 febbraio il presidente Ben Sulayem ha scritto a Kostyuchenko per esprimere la vicinanza della FIA. 

Sanzioni sportive

Un carteggio che l'autorità sportiva nazionale ucraina ha diffuso, rivelando le richieste avanzate alla Federazione internazionale. Una sorta di sanzioni che in ambito sportivo vadano a sommarsi alle iniziative ben più rilevanti che la comunità internazionale ha comminato verso la Russia.

Sterzi a parte: Bello vedere i F.1 boys parlare della guerra

La missiva di Kostyuchenko a Ben Sulaymen guarda al futuro, "data l'attuale situazione, la federazione automobilistica ucraina sta preparando una proposta di possibili misure di supporto da parte della FIA per il periodo post-bellico, quando tutte le risorse statali saranno destinate alla ricostruzione".

Pugno duro contro dirigenti e piloti russi

Di più immediata attualità sono, invece, le sanzioni richieste dall'autorità automobilistica nazionale ucraina. Si chiede il divieto di utilizzare simboli degli stati dei paesi aggressori, Federazione Russa e Repubblica di Bielorussia, nel corso delle competizioni sotto l'egida FIA. 

Si chiede il divieto di svolgere competizioni FIA e autorizzate dalla FIA sul territorio russo e bielorusso ma, soprattutto, si chiede l'esclusione dalla FIA di tutti i membri della Federazione Russa e della Repubblica bielorussa, l'esclusione delle persone dalle commissioni FIA che rappresentano organizzazioni russe e bielorusse. Richiesta di più immediato impatto sportivo, infine, il divieto per i piloti titolari di licenze rilasciate dalla Russia e dalla Bielorussia di correre fuori dai territori che hanno rilasciato le licenze.

LEGGI ANCHE - Binotto verso il Bahrain: "Ferrari non cambierà molto"

Una richiesta che, evidentemente, andrebbe a coinvolgere il volto più "noto" - non l'unico -, perché in Formula 1, tra i piloti russi impegnati in campionati FIA: Nikita Mazepin.


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi