Qualifiche molto emozionanti e per nulla monotone, quelle di Baku, anche se molti avranno dei rimpianti. Non certo Rosberg che riesce a far segnare il tempo da pole position poco prima della bandiera rossa; più facilmente Hamilton che quella bandiera rossa l'aveva causata, per aver tagliato troppo curva 11 dopo aver anche sbagliato troppe staccate, e così ha solo il 10° tempo. Qualche rimpianto anche per Perez che ha fatto segnare un favoloso 2° tempo ma questo non gli varrà la seconda fila per via dell'arretramento in seguito alla sostituzione del cambio dopo l'incidente in FP3. 

Di conseguenza c'è stata lotta aperta per il posto "libero" in prima fila a fianco di Rosberg, lotta che Ricciardo ha risolto a proprio favore proprio sotto la bandiera a scacchi con un tempo a 1"208 replicato subito dopo da Vettel al millesimo: ma sappiamo che conta chi lo fa prima. Col 5° tempo (a 1"511) è Raikkonen, stavolta più efficace del solito in qualifica nonostante qualche problema di traffico, ad affiancare Vettel in seconda fila. 

Qualifiche GP Baku, la classifica completa

Terza fila per Massa e Kvyat, abbastanza efficaci entrambi nel momento decisivo e staccati dal vertice di 1"725 e 1"959 rispettivamente, mentre Bottas e Verstappen sono riusciti ad ostacolarsi a vicenda nel giro finale, con qualche responsabilità più del finlandese, e si devono accontentare di 8° e 9° tempo. La pista ho comunque mostrato che non perdona quando si esagera anche di poco, e non solo con Hamilton ma anche con Hulkenberg 12° (testacoda in Q2 alla curva 16) e prima ancora con Button 19° (lungo in Q1 alla ben nota curva 15). Da rimarcare, in coda, la buona prestazione della Manor che ha mancato la Q2 per 1 decimo con Haryanto e comunque anche con Wehrlein appena dietro ha sopravanzato non solo Button, ma pure una Sauber e le due Renault. 


Ora appuntamento quindi con la gara vera e propria di domani, alle ore 15, sempre con la nostra cronaca diretta.

Iniziano alle ore 15 italiane (cioè le 17 a Baku) le prove valide per la definizione dello schieramento di partenza al GP d'Europa, ottava prova del Mondiale F1 2016 che si disputa in Azerbaijan. Sempre con la nostra cronaca diretta a raccontare cosa succede in pista, in parallelo qui sul web e su Twitter (@autosprintLIVE).

Sarà il momento decisivo per molti, dato che il tracciato di 6 km di Baku presenta molte insidie quando si cerca il limite: aspettiamoci qualche sorpresa. Che, in una situazione in cui la Mercedes ha finora confermato la propria superiorità, in positivo potrebbe arrivare dalla Force India (se sistemeranno in tempo la macchina incidentata di Perez), dalla Red Bull ma anche dalla Ferrari che sembra sulla strada di trovare il bandolo della matassa dopo i problemi di messa a punto di ieri.

Da tenere d'occhio anche Toro Rosso e McLaren, oltre a Williams e magari pure Haas, nella lotta per accedere alla Q3. Ricordando che le gomme più morbide (e quindi preferite nelle qualifiche) disponibili in questa occasione sono le supersoft, che secondo la Pirelli sono più veloci di 1 secondo al giro rispetto alle soft.

GP Baku, i risulati delle libere 3