Superbo primo giro di attacco alla pole di Singapore per Rosberg, che se l'aggiudica subito a inizio Q3 segnando 1'42"584. In prima fila lo andrà ad affiancare un bravo Ricciardo che tuttavia non è riuscito ad avvicinarsi più di mezzo secondo (-0"531), quando peraltro Hamilton stavolta non ha azzeccato un giro dei suoi soliti e così si accontenta della terza piazza a 0"704. Per soli 4 centesimi dietro all'inglese troviamo in seconda fila anche Verstappen, a completare la buona giornata Red Bull.

Cattiva invece la giornata Ferrari, e non solo per il 5° tempo di Raikkonen (a 0"956) che non riusciva a tenere la machina in traiettoria, ma soprattutto per l'ultima posizione di Vettel che si è trovato in Q1 con la barra antirollio posteriore rotta. Tutto l'opposto per l'altro team italiano, la Toro Rosso, che posiziona Sainz 6° e Kvyat 7°, rispettivamente a 1"613 e 1"885 dal vertice, mentre Hulkenberg segue per 1 centesimo ulteriore. In quinta fila troviamo quindi Alonso e Perez a poco meno di 2 secondi (-1"969 e -1"998). Appena fuori dalla top ten le Williams, più staccate le Haas (dopo l'incidente di Grosjean) e soprattutto le Renault (estromesse dalla Q2 all'ultimo giro) per non parlare delle Manor.

Appuntamento ora con il Gran Premio, che partirà domani alle ore 14 italiane (le 20 locali), ricordando che trovate qui i risultati delle qualifiche e la classifica del Mondiale.

Introduzione

Inizio alle ore 15 italiane (le 21 locali) per le prove notturne che stabiliranno lo schieramento di partenza del GP di Singapore, 15esimo appuntamento del Mondiale F1 2016. Qualifiche che seguiremo come sempre con la nostra cronaca diretta in parallelo su Twitter e web grazie al nostro account dedicato @autosprintLIVE.
Il tracciato è quello cittadino di Marina Bay di 5.065 metri, molto impegnativo per le sue 23 curve e per le condizioni climatiche: temperature e umidità ambientali sono sempre parecchio elevate, nonostante si corra dopo il tramonto. Una pista dove le doti telaistiche (in particolare relative a frenata e trazione) e un alto carico aerodinamico si rivelano precipui e dove finora la Mercedes non ha dimostrato la netta supremazia vista su altri circuiti da inizio anno.
Vedremo quindi se Ferrari e Red Bull riusciranno ad impensierire le Frecce d'Argento già da queste qualifiche, e se qualcuno azzarderà mescole alternative in Q2 per garantirsi strategie particolari in gara con le mescole Pirelli disponibili in questa occasione: ultrasoft viola, supersoft rosse e soft gialle. Ricordiamo che trovate qui i riscontri delle prove libere precedenti, qui i vari riferimenti statistici e storici di questo GP, nonché qui l'attuale situazione di campionato.

La cronaca "live" con Twitter