Mercedes, in Brasile determinati a vincere la sfida con la Ferrari

Mercedes, in Brasile determinati a vincere la sfida con la Ferrari© LAT Images/Mercedes F1

In palio c'è il secondo posto nel Costruttori e Interlagos è, sulla carta, una pista favorevole alla W14. Molti i punti sul tavolo nel week end Sprint

Fabiano Polimeni

2 novembre

A conti fatti, in Messico tra Ferrari e Mercedes è stato uno 0-0 nel parziale di punti guadagnati in chiave mondiale Costruttori. Un risultato che fa comodo più a Mercedes, seconda in campionato, di quanto non sia utile per la Ferrari. 

Restano tre gare al termine per provare a ribaltare gli equilibri. La W14 ha compiuto un sostanziale salto in avanti con l'aggiornamento al fondo portato a Austin; la Ferrari, con la novità introdotta in Giappone, comunque paga ancora in prestazione con determinate mescole di gomme, le più dure, sul passo gara. Più competitiva al sabato la SF-23 rispetto alla W14, il rapporto di forza cambia alla domenica. 

Interlagos e Las Vegas gare decisive

Un ruolo importante lo avranno le caratteristiche dei circuiti in arrivo. A Las Vegas, per la tendenza delle prestazioni viste quest'anno, la Ferrari dovrebbe presentarsi in una condizione di vantaggio. A Interlagos la bilancia pare pendere in favore di Mercedes.

"Siamo ripartiti dal Messico con il vantaggio sulla Ferrari immutato, nella lotta per il secondo posto nel campionato Costruttori. È una battaglia importante per noi e siamo concentrati sul vincerla.  Considerato l'inizio di week end sfidante in Messico e considerate le posizioni di partenza, ripartire con un secondo posto è stato positivo. La macchina ha dimostrato un ritmo gara molto buono, pur essendo consapevoli che abbiamo altro lavoro da fare per estrarre il massimo dalla W14 nell'arco dei tre giorni", analizza Toto Wolff.

Alla vigilia del GP del Brasile, ultima gara Sprint dell'anno, c'è un importante bottino di punti in palio per decidere la corsa al secondo posto. Tutto al netto dell'interrogativo assoluto che sarà il GP di Las Vegas, tra imprevisti tipici di un circuito cittadino e una pista tutta da scoprire. Se i giochi, quindi, per il piazzamento nel Costruttori, paiono delineati in una direzione chiara, non possono ancora darsi per immodificabili.

Mercedes vince da due stagioni in Brasile

"Resta un'ultima gara di questa tripletta Gran Premi, il Brasile. Sappiamo di aver compiuto un buon passo avanti nelle ultime gare, però in Messico la W14 si è dimostrata ancora difficile da gestire. Puntiamo ad arrivare a Interlagos con una solida base di partenza, sulla quale lavorare e vedere cosa potremo fare.

Abbiamo bei ricordi del Brasile, soprattutto dalle ultime due edizioni, con la vittoria spettacolare di Lewis nel 2021 e la prima di George nel 2022. Speriamo che il nostro pacchetto si comporti bene e di poter mettere insieme un bello spettacolo per tutti"


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi