GP Brasile

Andrà in scena questo weekend il GP del Brasile, penultimo appuntamento della stagione 2022 della Formula 1. Tappa tradizionale del calendario del Circus, la gara sudamericana si disputerà sul circuito di Interlagos, a San Paolo, città più popolosa del Paese. Prevista al sabato anche la Gara Sprint, con le qualifiche spostate al venerdì. 

Statistiche e storia del GP del Brasile

La prima edizione della gara brasiliana valida per il Mondiale è stata disputata nel 1973, sul circuito di Interlagos, che all'epoca veniva utilizzato in una configurazione diversa dall'attuale e una lunghezza di quasi 8 km. Nel 1978, e poi dal 1981 all'89, il GP ha avuto come teatro il circuito di Jacarapaguà, vicino Rio de Janeiro. Nel 1990 la sede fissa della gara è diventata Interlagos, con un layout aggiornato con una lunghezza simile a quella attuale. La pista è intitolata a José Carlos Pace, pilota brasiliano di origini italiane vincitore dell'edizione 1975 e scomparso due anni dopo in un incidente aereo.

L'albo d'oro del GP del Brasile vede Alain Prost come pilota più vincente di sempre, grazie ai suoi 6 successi, seguito da Michael Schumacher (4 vittorie) e, a pari merito con 3 GP vinti a testa, Carlos Reutemann, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. Unico altro pilota attivo ad aver vinto a Interlagos è Max Verstappen, primo al traguardo nell'edizione 2019. Per quanto riguarda le scuderie, il team che ha ottenuto il maggior numero di vittorie è la McLaren con 12 affermazioni, seguita da Ferrari (11) e Williams (6). Red Bull e Mercedes contano rispettivamente 5 e 4 successi in terra brasiliana.

Le caratteristiche del circuito di Interlagos

Dopo quello di Città del Messico, il circuito di Interlagos è il secondo con la maggiore altitudine in tutto il Mondiale, con i suoi circa 700 metri sul livello del mare. La pista si caratterizza per le notevoli variazioni altimetriche e la presenza di curve veloci. Il rettilineo di partenza termina con una doppia curva in discesa, la cosiddetta “S di Senna”, che introduce all'ampia Curva do Sol e poi al lungo rettilineo denominato Reta Oposta. La parte centrale del tracciato è costituita da un misto di curve a vario raggio. Dopo l'ultima di queste, la Junção, ci si immette nel lungo tratto in salita che porta al traguardo, e che viene percorso dai piloti in piena accelerazione. 

Gli orari del GP del Brasile 

Il primo turno di prove libere è previsto per venerdì 11 novembre alle 16:30. Sempre venerdì, andranno in scena le qualifiche, programmate per le 20:00. Sabato sarà poi il turno delle FP2, alle 16:30, e della Gara Sprint, che scatterà alle 20:30. Infine, domenica il GP del Brasile partirà alle 19:00. Per quanto riguarda le differite su TV8, sabato saranno trasmesse le qualifiche alle 19:45 e la Gara Sprint alle 21:30. La replica del GP è prevista invece per le 21:30 di domenica.


Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi