Horner: "Non ho capito la decisione Ferrari"

Horner: "Non ho capito la decisione Ferrari"© Getty Images

Red Bull limita i danni di una domenica complicata da fattori esterni e a Silverstone Verstappen perde pochi punti da Leclerc. Horner si interroga sulla scelta fatta dalla Ferrari

Fabiano Polimeni

4 luglio 2022

Dall'essere una domenica da debacle, con Leclerc in corsa per una vittoria autorevole e Verstappen a difendere con i denti una posizione tra la settima e l'ottava, alla fine Silverstone è assai più clemente con Red Bull di quanto non volessero i fatti a tre quarti di GP.

Da un possibile recupero di 19 punti di Charles nel mondiale Piloti a un contenimento dei danni da parte di Max, in 6 punti appena lasciati sul campo.

Sterzi a parte: Ma che bello ritrovare Hamilton!

Difficile, viste le premesse - Perez ultimo, Verstappen con la RB18 danneggiata -, augurarsi un parziale meno sfavorevole per Red Bull. Che con la Safety Car rimette Perez in corsa per un podio. 

Un settimo posto fa la differenza

Guarda all'epilogo di uno snodo importante, per gli eventi che hanno scritto il risultato, del mondiale, Christian Horner. Guarda ai punti portati a casa comunque da Verstappen: "Gli abbiamo montato un treno di morbide e lui ha lottato come un leone per un settimo posto, però potrebbe essere un piazzamento in grado di fare la differenza alla fine del campionato.

Abbiamo avuto un'ottima macchina qui ed è frustrante non aver centrato la vittoria. Sono contento per Carlos Sainz, è la sua prima vittoria".

Contento eccome, vista la posizione di Carlos in campionato, a 11 punti da Leclerc dopo la vittoria di Silverstone.

Danni relativi con la vittoria di Sainz

Non manca di valutare le ripercussioni sulle due classifiche iridate, Horner: "Sainz ha corso bene oggi e il danno per noi nel mondiale... Charles ha guadagnato solo 6 punti su Max, Checo ad allungare su Charles, nel mondiale Costruttori abbiamo perso solo 13 punti: quindi - considerata la giornata - non è andata poi così male".

Decisivo sulle sorti del Gran Premio è stato l'ingresso della Safety Car nel finale e le scelte tattiche compiute della Ferrari. Pit con Sainz, non con Leclerc. Una valutazione sulla quale Horner commenta: "Tutti operano in modo diverso, ogni squadra è diversa. 

Il vantaggio della gomma soft

La chiamata che io ho capito meno credo sia stata quella di non fermare entrambe le macchine, di sicuro la scelta di non fermare Charles per montare la gomma morbida. 

Hamilton aveva un pit gratis, quando sei la macchina in testa è la scelta più difficile da prendere, fermarsi al pit. Però se anche Lewis fosse rimasto fuori, con il vantaggio della gomma morbida sulla dura, la Ferrari l'avrebbe superato".

Mercedes, perché non le morbide?

Ne ha anche per Mercedes, il team principal Red Bull. Lo stint su gomma dura ha permesso a Hamilton di portarsi in corsa per il successo ma non ha giocato la carta della gomma morbida in occasione del pit-stop, dopo il quale è rientrato alle spalle delle Ferrari e con un gap di oltre 4" da Leclerc, leader della gara.

"Mi ha sorpreso che Lewis, con i giri restanti e il degrado che ha mostrato (ottimo; ndr), non abbia montato una soft. Ha montato le dure al giro 33, in realtà pensavo che avrebbe scelto le morbide. Ha anche lasciato in pace la Ferrari con quella scelta". 

Classifica mondiale Piloti


  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi