Dakar 2021, Sainz critico con gli organizzatori: 'Da raid a gimkana'

Dakar 2021, Sainz critico con gli organizzatori: 'Da raid a gimkana'© M.Maragni/Red Bull Content Pool

Le critiche sono rivolte al roadbook, gli incroci non segnalati e la necessità di procedere molto lentamente per trovare i waypoint. Una Dakar non più quel raid al quale era abituato El Matador

Fabiano Polimeni

8 gennaio 2021

Sesta tappa accorciata di 100 km, alla Dakar, dopo le difficoltà incontrate da moltissimi equipaggi nel corso della frazione conclusa ad Al Qaisumah. Il via ritardato di 90 minuti, stamani, ha fatto sì che la direzione gara decidesse per accorciare la prova.

Una quinta speciale che è valso lo spunto per parole molto critiche di Carlos Sainz. El Matador dice di non vedere più la Dakar di sempre nelle scelte operate dall’organizzatore sul roadbook – da


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi