L'editoriale del Direttore: La gara più indigesta

L'editoriale del Direttore: La gara più indigesta

"Adesso si tratta di provare a metabolizzare quanto avvenuto. per prepararsi nel modo migliore alla ripresa di Spa"

Andrea Cordovani

2 agosto

Nella dolorosa lista delle occasioni perdute, dei sogni svaniti all’alba di una domenica che prometteva ben altre cose, il GP d’Ungheria rischia di schizzare direttamente in vetta alla classifica. Come Max Verstappen che se ne va in vacanza con 80 punti di vantaggio su Charles Leclerc. Altro che Budafest. Quello andato in scena sui saliscendi dell’Hungaroring è forse il Gran Premio più indigesto per il Cavallino da quando il Mondiale 2022 ha preso il via portandosi appresso il sogno (che adesso rischia di trasformarsi in delusione) di una Rossa ai vertici del campionato


Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi