La Formula E manda in archivio anche la seconda giornata di test sul circuito di Valencia. E i nomi che si confermano in testa alla classifica dei tempi sono “già noti”. Envision Virgin Racing, dopo aver visto Sam Bird realizzare il miglior crono lunedì, porta Robin Frijns a dettare il passo, con 1’15”377 che vale il riferimento di giornata.

PROVE DI ePRIX AL POMERIGGIO

Nella top ten quasi tutti hanno segnato la miglior prestazione al mattino, con l’eccezione di James Calado, ottavo su Jaguar e autore dell’1’15”624 nel turno pomeridiano. Tre ore di attività nelle quali si è simulato un ePrix, “vinto” da Stoffel Vandoorne su Mercedes. Giornata ancora densa di contrattempi, invece, per Nick De Vries, prima autore di un incidente alla chicane sul rettilineo principale, al mattino, poi rallentato da problemi tecnici.

Numerosi gli incidenti registrati alla variante, con Lotterer e D'Ambrosio ad allungare l'elenco delle bandiere rosse, concluso al mattino dallo stop di Felipe Massa in pitlane.

Unico pilota a non partecipare all’ePrix pomeridiano, André Lotterer su Porsche. Il pilota tedesco è risultato il più attivo al pomeriggio, con 22 giri, più di Sims (18) e Abt (16). Audi Sport a collezionare 42 passaggi nella sessione mattutina, con Abt, contro i 39 giri di Vergne e i 38 di Mueller, Da Costa e Wehrlein.

PORSCHE, PRIMA SCOPRIRE LA F.E POI UN PODIO

In casa Porsche, il team principal Lindesay ha commentato: "Sarà una lotta indiavolata. Noi dobbiamo guardare a noi stessi anzitutto, dobbiamo sistemarci e fare il meglio che potremo, poi forse potremo guardarci intorno. Ci sono così tanti costruttori e competizione che non vediamo l'ora di farne parte. La Formula E è una categoria così diversa da quelle a cui siamo abituati. Siamo tutti debuttanti nel campionato, essere sul podio al termine della prima stagione è il nostro obiettivo".

TEMPI, DIFFERENZE MINIME

Le indicazioni dei tempi registrati a Valencia dicono di un equilibrio al momento molto interessante, con i primi 10 piloti racchiusi in 3 decimi, 21 si ritrovano i 8 decimi. Equilibri da verificare nell’ultima giornata, in programma venerdì.

TUTTI I TEMPI DELLA SECONDA GIORNATA DI TEST

Alle spalle di Robin Frijns si è confermato Maximilian Guenther, con BMW a 57 millesimi, davanti alla seconda iFE.20, di Alexander Sims. A seguire, Oliver Rowland su Nissan, Nico Mueller su Geox Dragon, Antonio Felix Da Costa – nuovamente migliore tra le due DS Techeetah –, Brendon Hartley (Geox), James Calado e Mitch Evans (Jaguar), per chiudere con Lucas Di Grassi, 10°.