Anche Porsche risponde presente alla "chiamata" della Formula E sul futuro della categoria con monoposto Gen3. Si partirà dal campionato 2022-2023, per un impegno vincolante - nei fatti, visto il versamento dovuto della tassa di iscrizione anche in caso di uscita dalla serie - fino al 2025-2026. Porsche resterà unica presenza del Gruppo Volkswagen, visto l'abbandono Audi al termine del campionato iniziato da Riad. 

A Stoccarda la strategia industriale punta a realizzare l'80% dei volumi di vendita globali, al 2030, con modelli elettrifici e ha strutturato un piano di investimenti sull'elettrico con particolare attenzione alla tecnologia delle celle dei pacchi batteria.

Macchine Gen3 più cavalli e BBW sulle quattro ruote

La Formula E sarà la vetrina tecnologica, sulla quale le monoposto Gen3 introdurranno specifiche e prestazioni molto più allettanti per l'elemento puramente velocistico rispetto a quanto accade oggi.

Segui la diretta delle libere 1 del GP del Bahrain

Monoposto da 408 cavalli in configurazione gara, 476 cavalli sfruttabili in qualifica, la presenza del brake-by-wire sulle quattro ruote per un recupero massimo di 600 kW. Così - e con macchine più leggere, nonché la possibilità di ricarica ultrarapida a 600 kW - si correrà dal 2023.

"La nuova generazione apre il prossimo capitolo nella storia di successo della Formula E e noi vogliamo farne parte. Con l'ingresso nel 2019 abbiamo adottato un chiaro impegno verso la Formula E. Dal nostro punto di vista offre l'ambiente più competitivo per far progredire lo sviluppo di auto ad alte prestazioni con un focus sulla sostenibilità ambientale, l'efficienza energetica e la gentilezza verso l'ambiente", ha commentato Fritz Enzinger, vicepresidente dell'attività Porsche Motorsport.

Sull'impegno Porsche, che segue il sì di Nissan, Mahindra, DS, Nissan, Jean Todt ha aggiunto: "Le monoposto Gen3, essendo più leggere, potenti e con una più rapida velocità di ricarica, definiranno ulteriormente la categoria come il vertice delle corse elettriche. Sono felice che Porsche si sia impegnata sulla prossima era. È anche la conferma che la Formula E rappresenta la giusta piattaforma per promuovere le capacità dei costruttori sull'elettrificazione e dimostrare il nostro impegno condiviso verso soluzioni di mobilità maggiormente sostenibili".