Bottas e risposta

Bottas e risposta
La FW35 che non va. Le amicizie importanti. Il rapporto con pastor maldonado. I sogni di gloria. Intervista al finlandese della Williams promosso quest’anno titolare

7 maggio 2013

Ci sono piloti che entrano nel paddock di Formula 1 con l’alone dei predestinati. Non è tanto il curriculum a determinare questo status, ma il tam-tam che arriva dalle categorie minori, basati su parametri che vanno oltre i resoconti matematici di una carriera. Valtteri Bottas, è uno di questi casi. Classe 1989, l’attuale pilota della Williams è un finlandese di provincia, nato a Nastola, un’ora e mezza di auto in direzione nord da quella periferia di Helsinki (Espoo) dove sono cresciuti Mika Hakkinen e Kimi Raikkonen. Per quanto possa sembrare difficile, Bottas al suo ingresso nel paddock di Formula 1 (datato 2010 nelle vesti di collaudatore Williams) era apparso ancora più ri

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi