Il Gran Premio d’Austria potrebbe tornare in calendario. Un annuncio sul sito ufficiale della Red Bull parla di “accordo raggiunto” con Bernie Ecclestone. Notizia ripresa stamattina dalla stampa austriaca. Perché la Red Bull? Perché quello che un tempo era l’Österreichring poi divenne A1 Ring e oggi, con l’ultimo cambio di proprietà, appartiene proprio a Dietrich Mateschitz. Che lo ha usato finora per attività promozionali e gare di altre categorie, ma senza nascondere il piano di riportarvi quel Gran Premio disputato per l’ultima volta nel 2003. La pista, comunque, è sempre quella di Zeltweg. Storica e affascinante anche dopo le modifiche al tracciato che permisero di riportare la gara in calendario nel ‘97, per sette edizioni. Certo, quella del ritorno di una corsa europea è una bella notizia, ma che accadrà al calendario? Anche se in teoria non sarebbe possibile, Mateschitz vorrebbe inserire il Gp Austria in campionato già nel 2014. A questo punto, aggiungendo anche il New Jersey e la Russia, siamo a 22 gare. Un po’ troppe, per l’attuale disponibilità delle squadre. Tanto più che se la trattativa si è svolta con Ecclestone, bisognerà seguire gli sviluppi del processo che vede coinvolto proprio il capo della Fom. E che potrebbe rivoluzionare il vertice della F.1.