dal nostro inviato ad Austin: Cesare Maria Mannucci È un Fernando Alonso ancora sofferente, quello che si sfila dall’abitacolo al termine delle prove di qualificazione sul circuito di Austin. «La mia schiena e il collo non sono un problema - dice lo spagnolo - subito dopo l’incidente di Abu Dhabi stavo bene, poi dopo 3-4 ore, quando i medici mi hanno visitato hanno constatato una mancanza di sensibilità nel braccio e nella gamba sinistra, e mi sono accorto che erano abbastanza preoccupati. In seguito ho accusato forti dolori alla testa perché un nervo è rimasto schiacciato dalla compressione e non arrivava sufficiente pressione sanguigna alla testa. Le notti successive sono state difficili, perché avevo forti dolori al capo, ma poi lentamente l’infiammazione è diminuita. Venerdi ho sentito un poco di male e anche sabato mattina quando mi sono svegliato, ma poi quando entro in macchina, dimentico tutto».