Le qualifiche del GP d’Australia hanno dato responsi molto interessanti dal punto di vista delle novità, relativamente ai piloti. Così se abbiamo per la prima volta Daniel Ricciardo in prima fila (ma anche JE Vergne in terza) non si può evitare di sottolineare l’ottimo risultato dei due “rookie” in gara, vale a dire Kevin Magnussen e Daniil Kvyat entrambi nella top ten. Per Magnussen si tratta di un posto notevolissimo, quello a fianco di Rosberg in seconda fila, considerando che in questa occasione il suo compagno di squadra in McLaren, Button, non è riuscito ad accedere alla Q3: «Se ho fatto un buon lavoro? Credo che anche il team lo abbia fatto, soprattutto già prima nel darmi fiducia: è il mio primo Gp e per quello che ho ottenuto devo ringraziare loro. Sono sorpreso? Non sapevo cosa aspettarmi davvero, arrivare quarto è veramente un gran risultato. Ma le ambizioni della McLaren sono tante per questa stagione. Per cui adesso l’obiettivo è portare a casa dei punti». In quarta fila, a completare il buon risultato complessivo della Toro Rosso, Daniil Kvyat commenta così: «È stata una buona qualifica per noi, il Q3 non è stato proprio perfetto perché nel finale ho toccato il muro (ci ha rimesso lo spigolo dell’ala davanti, ma nulla più, ndr) ma sono comunque contento. Domani la partenza sarà interessante, per me è la prima volta fra questi piloti famosi». Maurizio Voltini