Le dichiarazioni di fine gara da parte di Lewis Hamilton, arrivato secondo alle spalle di Vettel, sembrano denotare che non vi sia stata una completa lucidità da parte del team nel gestire una gara in cui non si sono ritrovati con il consueto margine di velocità sugli altri. Fermo restando che non sono certo stati i soli a stupirsi della grande competitività in gara delle Rosse. Ma il risultato viene accettato e Lewis commenta così: «Prima di tutto, devo fare i miei più grandi complimenti a Seb e Ferrari. Non mi aspettavo che fossero così veloci come sono stati oggi, ma hanno avuto un passo notevole e meritato la vittoria». Parlando di quanto capitato in gara, sembra che non tutto sia stato lineare: «È stata una gara dura: stavo lottando con il bilanciamento e non mi sono mai veramente sentito a mio agio con la vettura. C'era così tanto sottosterzo che la gestione dei pneumatici è stata davvero difficile. Quando sono passato alle medie era molto meglio, quindi ho pensato di utilizzarle di nuovo alla fine e sono stato sorpreso che siamo tornati sulle hard. Ma ho fatto del mio meglio con queste e alla fine sono sicuro che la squadra ha effettuato questa scelta per le giuste ragioni (mancavano 18 giri da percorrere, ndr). C'è stata un po' di confusione alla radio ad un certo punto, per cui non ero del tutto sicuro di quello che stavamo facendo come strategia, ma non sono sicuro se sostare come Seb avrebbe comunque fatto la differenza. Erano veloci come noi se non di più oggi, e una volta che ho avuto quel gap di recuperare era semplicemente un passo troppo lungo. Ora sto guardando avanti alla prossima gara in modo da lottare per tornare davanti di nuovo». Maurizio Voltini