GP Silverstone, analisi gomme

GP Silverstone, analisi gomme
Le infografiche Pirelli dimostrano quanto la pioggia abbia alterato le strategie previste sulla sola sosta

6 luglio 2015

Doveva essere una gara “facile” dal punto di vista strategico, il Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone. Con temperature dell’asfalto decisamente inferiori rispetto ai valori del venerdì, 7 gradi in meno, con un picco in gara di 39° C, una sola sosta era, nelle previsioni della Pirelli, la scelta migliore da fare. E così è stato, almeno finché non sono arrivati i due scrosci di pioggia che hanno dato l’opportunità di azzardare e fare scelte differenti. L’ingresso della safety car ha ulteriormente agevolato il compito delle gomme, spostando teoricamente in avanti il momento della sosta, ma in realtà così non è stato. In

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi