Formula 1 Giappone, Raikkonen sorpreso dalla competitività della Ferrari

Nelle qualifiche di Suzuka, Iceman si è messo dietro Vettel centrando il terzo tempo con un ritardo di 3 decimi sul poleman Rosberg

Alberto Sabbatini

8 ottobre 2016

Ancora una volta Raikkonen si è messo dietro il compagno di squadra di Vettel. Su una pista che dovrebbe esaltare la guida fluida e precisa, Iceman ha compiuto una delle migliori qualifiche della sua carriera, lui che del "giro secco" a quasi 37 anni non è proprio lo specialista.

Raikkonen ha rifilato 79 millesimi a Vettel e lo aveva battuto di 41 millesimi anche nel primo giro della Q3, ma la cosa più stupefacente è che è riuscito ad arrivare ad appena 302 millesimi dalla pole di Rosberg. La prima fila invece era proibitiva perche Hamilton era sul passo di Rosbeg ma mai come in questa gara le due Ferrari sono apparse vicine alle F1 anglo-tedesche

"Sono molto sorpreso di come è stata competitiva la macchina qui - spiega un sorpreso Raikkonen che per la contentezza diventa anche loquace - Credo che la macchina sia andata piuttosto bene, ci sono stati piccoli dettagli su cui abbiamo sofferto fino a questo week end ma questa prestazione ci conforta. Era quello che volevamo ottenere, ed è un peccato che Sebastian sia stato penalizzato sennò eravamo tutti e due in seconda fila"

Il motivo della ritrovata competitività Ferrari non è nel clima. Vero che in prova a Suzka faceva fresco dopo uno spruzzo di pioggia nella mattinata ed è vero che la Ferrari a volte soffre gli sbalzi di temperature. Ma in questo caso secondo Raikkonen il clima non c'entra. "Non credo il motivo sia quello, era più fresco per tutti, e l'aria fresca ha aiutato tutti".

La prima battaglia contro la Red Bull, che è la diretta rivale per il campionato perché è avanti di 46 punti, è stata vinta ma ora c'è la sfida più importante: la gara. Ma Raikkonen stavolta èfiducioso come non mai. "Penso che in gara andremo bene. La nostra macchina in qualifica si è dimostrata veloce. La velocità non sparirà di certo in gara e poi noi storicamente in corsa siamo più competitivi di solito delle qualifiche, quindi siamo ottimisti".

GP del Giappone, la griglia di partenza

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi