A meno di una settimana dalla gara che gli ha consegnato la vittoria del titolo mondiale piloti del campionato di Formula 1 2016, Nico Rosberg ha sorpreso tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori annunciando il ritiro immediato dalla massima competizione dell’automobilismo. Il neo-campione del mondo ha spiegato di aver coronato il suo sogno da bambino e di aver accumulato un grande carico di stress per riuscirci, un fardello tale da fargli decidere di lasciare per passare più tempo con la famiglia – un po’ come ha fatto Casey Stoner nelle moto - e dare alla sua vita nuove opportunità.

È molto probabile, dunque, che lo rivedremo al volante di qualche auto da corsa, magari non subito e magari in altre classi. A soli 31 anni un ritiro totale e incondizionato sarebbe forse troppo. Ad ogni modo, Rosberg ha scelto una maniera molto semplice per dare questo clamoroso annuncio, usando le sue pagine social e caricando un breve video praticamente amatoriale. Tutto questo quando avrebbe potuto sfruttare il palcoscenico della cerimonia ufficiale di premiazione organizzata dalla FIA a Vienna, a cui ha partecipato ieri sera, solo poche ore dopo aver reso pubblico il suo ritiro.

Rosberg, dunque, ha preferito “togliersi il dente” in un modo più semplice, senza avere tutti gli sguardi e i riflettori puntati addosso, una decisione che lo rende ancora più umano. Tornando alla premiazione di ieri sera, la FIA ha assegnato anche i premi per la “Action of the Year”  per la “Personality of the Year” che sono andati entrambi a Max Verstappen. Il pilota olandese li ha vinti rispettivamente per la terza e la seconda volta consecutiva, grazie al sorpasso ai danni di Rosberg eseguito durante il Gran Premio del Brasile - votato online insiem ad altri otto momenti ad “alto intrattenimento” – e al voto dei media.