Renault getta nella mischia una power unit aggiornata. Non solo sviluppi aerodinamici sulla RS19, con un nuovo fondo al Paul Ricard. Sulla monoposto di Daniel Ricciardo va in pista il terzo motore termico, uno sviluppo introdotto in anticipo, visti i riscontri positivi avuti al banco prova in termini di affidabilità.

“Introdurremo un nuovo motore termico Spec B in questo week end, sulla macchina di Daniel. Questo motore termico rappresenta un buon passo in avanti sulla prestazione.

Nico monterà questo nuovo motore in una gara successiva, non volevamo che andasse in penalità qui in Francia, la nostra gara di casa”, ha spiegato Abiteboul.

Segui la cronaca delle prove libere 1 del GP di Francia

“Il motore termico era in programma che venisse introdotto in una gara successiva, ma siamo in anticipo sul programma quindi siamo felici di poterlo utilizzare qui”.

LE ALTRE SOSTITUZIONI

Oltre al motore termico, Ricciardo monterà anche il terzo turbocompressore e il terzo MGU-H. Sviluppo Renault che si somma ad altri interventi, alcuni già annunciati, come l’introduzione della power unit Honda Spec 3. Daniil Kvyat – che andrà in penalità – monta una nuova power unit completa in tutti gli elementi, elettronica e pacco batterie compresi.

Le due Alfa Romeo e le due Haas, invece, ricorrono al secondo pacco batterie stagionale, limite oltre il quale scatta l’arretramento in griglia.

GP Francia, Le Castellet: la pista del ritorno

Detto di Verstappen e Gasly con un nuovo motore, turbo e MGU-H, Lance Stroll monta il terzo motore termico, turbo e MGU-H.