Torna nella Motor Valley, al termine di un’esperienza in Mercedes che, a fine settembre, lo vedrà lasciare anche il ruolo di consulente tecnico, dopo l’abbandono della posizione di direttore dell’Ingegneria annunciato lo scorso anno.

Nel futuro di Aldo Costa c’è Dallara Automobili, diverrà responsabile dell’Area tecnica dall’inizio del 2020. Dallara è competizioni, ovviamente, ma anche sviluppo di progetti stradali e Academy, formazione universitaria. Aldo Costa approda nella struttura di Giampaolo Dallara e diretta da Andrea Pontremoli con una veste che sarà anche di “talent scout”.

ESPERIENZA DA TRASMETTERE

Da quando ho lasciato il ruolo di direttore dell’Ingegneria mi è piaciuto supportare la squadra nel corso di questa stagione e ho anche cercato la mia prossima sfida oltre la Formula 1.

Dopo tanti anni di lavoro al vertice del nostro sport, sono eccitato di poter offrire quanto ho appreso in altre categorie da corsa e in progetti di auto ad alte prestazioni al di fuori delle competizioni.

Ricordo quando scrivevo a Giampaolo all’inizio della mia carriera per un lavoro, al tempo non c’era nulla di disponibile, però riuscì ad aprirmi alcune porte nell’industria.

Adesso, tanti anni dopo, sembra come se il cerchio si chiudesse e sono orgoglioso di unirmi a quest’azienda iconica del motorsport italiano.

Una delle mie passioni è di seguire e far crescere i giovani talenti, nei prossimi anni mi concentrerò nell’aiutare ad attirare e sviluppare la prossima generazione di ingegneri italiani di talento”, ha commentato il tecnico italiano.

DALLARA PRONTA ALLE SFIDE FUTURE

“Per tutti noi in Dallara, a partire dal nostro presidente Giampaolo Dallara, l’ingresso di Aldo nella direzione è una splendida opportunità. Ci permetterà di armonizzare le nostre funzioni tecniche così da poter ulteriormente sviluppare le competenze e il know-how Dallara, preparando l’azienda alle sfide future che affronteremo insieme”, commenta l’a.d. Andrea Pontremoli.

Quanto agli impegni che attenderanno Costa, Pontremoli ha aggiunto: “Aldo ritorna nella “motor valley” italiana, un territorio nel quale è nato e si è formato professionalmente, mettendo a disposizione la sua grande esperienza nel motorsport tanto per la nostra azienda che per il mondo accademico e dell’università, attraverso i programmi MUNER – Motorvehicle University of Emilia Romagna e Innovation Farm, che stanno diventando i pilastri dello sviluppo di giovani appassionati delle corse e delle supercar”.

Leggi anche: Dallara Stradale, una barchetta fatta come un'auto da corsa

ADDIO MERCEDES, GRUPPO SOLIDO

Per Dallara che diverrà la prossima esperienza professionale c’è una Mercedes dalla quale congedarsi, aiutata a diventare team dominante in Formula 1: “Da ultimo, grazie ancora a tutti gli amici e compagni in Mercedes, è stato un privilegio straordinario far parte dello sviluppo e del successo della squadra, siamo stati in grado di costruire un gruppo incredibilmente forte per affrontare le sfide del futuro”, ha concluso Aldo Costa.