Il Gran Premio del Brasile si farà ancora, ma si sposterà da Interlagos, San Paolo, a Rio de Janeiro. Ormai sembra imminente il passaggio di consegne tra le due città quale sede della corsa brasiliana, come si evince dal documento firmato da Chase Carey ed indirizzato a Claudio Castro, governatore di Rio. A riportare tutto è stato il blog brasiliano Diario Motorsport.

Vettel: "Nessun rimpianto, in Ferrari ho fallito per dei motivi"

Gli accordi ci sono

La lettere di Carey recita così: "Grazie per il vostro supporto fino ad ora per la Formula 1 in Brasile. Il Brasile ha un posto speciale nella storia della Formula 1 ed abbiamo tanti ed apprezzati tifosi in Brasile. Vi scrivo per aggiornarvi che abbiamo finalizzato gli accordi con Motorsports LLC per ospitare, organizzare e promuovere gli eventi della Formula 1 a Rio de Janeiro. Questi accordi sono pronti per l’esecuzione e l’annuncio da parte della Formula 1 non appena tutte le licenze necessarie saranno state rilasciate dalle autorità competenti, INEA/CECA, in Brasile".

Gli 80 anni di Interlagos

Resta in bilico solo la questione ambientale

Interlagos così si appresta a scomparire dal calendario, un'altra pista storica ormai ad un passo dall'addio. Da tempo il tracciato paulista è sul piede di lasciare, con difficoltà economiche che a più riprese avevano minacciato lo svolgersi della corsa brasiliana. Tra Rio e la F1 pare esserci solo una questione ambientale, dal momento che per l'appuntamento carioca si dovrebbe andare a disboscare la foresta di Camboatà.

Sterzi a parte: Il turbo ibrido è il male assoluto