Non c'è maniera migliore di vincere il titolo vincendo, ed a questa maniera. Lewis Hamilton diventa re per la settima volta uguagliando Michael Schumacher trionfando anche in Turchia, azzeccando la mossa di non fermarsi. Gran gara di Perez, 2°, che precede le due Ferrari, con Vettel sul podio davanti a Leclerc dopo un finale rocambolesco.

Rivivi l'emozione del GP Turchia 2020


Super partenza per Vettel!

Partenza caotica, con Verstappen che si pianta lasciando scappare le due Racing Point, mentre Ricciardo tocca Ocon il quale, intraversandosi davanti a Bottas, induce all'errore il finlandese, che si gira. Buon per Vettel, che con uno scatto incredibile si porta dall'11° al 4° posto, dietro alle Racing Point ed Hamilton, scattato anche lui benissimo. Male Leclerc, che perde qualche posizione. Nel corso del primo giro Hamilton viene però infilato da Vettel, Verstappen ed Albon, accodandosi alle due Red Bull, mentre nelle retrovie Bottas ed Ocon entrano nuovamente in contatto, scivolando a fondo gruppo.


Max, che errore!

Dopo un primo giro al cardiopalma, comincia una corsa emozionante, con le Racing Point a fare le lepri e Vettel a tenersi alla grande dietro Verstappen, il tutto mentre la pista si asciuga leggermente ed i piloti cominciano a mettere le intermedie, con Leclerc il primo a farlo. Comincia un'altra gara, con tanti piloti prima in difficoltà che con le intermedie si trovano meglio e viceversa. Le Red Bull sono le ultime a mettere le intermedie, con Verstappen che scalza Vettel e si porta al terzo posto dietro le Racing Point. Fase difficile per il tedesco, che perde la posizione anche su Albon., bravo a passare lui ed Hamilton. Nel frattempo l'olandese va fortissimo, ma cade in errore nel tentativo di passare Perez poco dopo la 11. Gomme spiettellate e box per il numero 33, che scivola in ottava posizione davanti a Leclerc. Davanti invece dopo un po' di difficoltà Vettel si mette a ricucire su Stroll, Perez ed Albon, difendendosi egregiamente da Hamilton.


Cambio gomme o no?

Condizioni difficili da interpretare, ed infatti c'è chi sceglie di restare in pista e chi invece azzarda. Tra i primi ad azzardare la nuova gomma intermedie Leclerc, che prova undercut su piloti che ha davanti guadagnando notevolmente. Il gioco non riesce con Vettel, che lascia la terza posizione per mettere intermedie nuove ma senza trovare quel feeling con la copertura nuova, ed infatti Leclerc gli si riporta sotto. Anche Stroll azzarda la gomma nuova, mentre restano in pista Perez ed Hamilton, con Lewis che poco dopo passa il messicano portandosi incredibilmente in prima posizione. Crisi invece per Stroll, che si fa passare da Vettel, Leclerc, Albon (in testacoda prima della sua sosta) e Sainz. Lotta anche tra i due rossi, con Charles che passa Sebastian. 


Il finale: re Lewis VII

Hamilton davanti scappa e lascia sempre più indietro il messicano, ma entrambi decidono di non fermarsi. E' la scelta giusta, perché altra pioggia non arriva, la gomma tiene e Lewis Hamilton vola verso il successo, ma soprattutto verso il settimo titolo della carriera, eguagliando Michael Schumacher. Dietro di lui invece succede di tutto, con lotta a tre per il finale tra Perez, Leclerc e Vettel proprio all'ultimo giro: lungo di Charles nel tentativo di passare il messicano, bravo ad incrociare, e bravo anche Seb che approfitta del lungo del compagno per passarlo. Dunque 2° posto per Perez e 3° per Vettel, con Leclerc 4° ed arrabbiato. Dietro di lui Sainz, giunto attaccato alla Ferrari, quindi Verstappen (altro testacoda nel finale), Albon, Norris, Stroll (disastroso l'ultimo stint) e Ricciardo. Solo 14° Bottas, in una giornata incredibilmente negativa per lui, mai in gara e più volte in testacoda.