C'è Max Verstappen davanti a tutti al termine della prima sessione di prove libere dell'anno. Miglior crono per l'olandese della Red Bull, che ha chiuso davanti a Bottas e Norris. Ferrari al 5° posto con Leclerc ed all'8° con Sainz.

Prove brevi e intense

Il nuovo format delle libere, con FP1 ed FP2 ridotte da 90 a 60 minuti, ha imposto ai team di scendere subito in pista. Con la nuova durata delle sessioni non c'è tempo da perdere e tutte le squadre sono immediatamente scese in pista, per quella che potrebbe essere una costante durante tutto l'anno: presumibilmente, avremo sessioni più brevi ma più "intense", perché l'azione in pista sarà compattata.

Leclerc: "Non c'è alcun numero 1 in squadra"

Max subito davanti

Tempi non ancora indicativi, perché arrivati in condizioni climatiche che non avremo né in qualifica né in gara, ma intanto scorrendo la classifica vediamo che Verstappen si è preso la miglior prestazione proprio alla fine del turno, fermando il cronometro sull'1'31"394 con gomma morbida. L'olandese ha strappato la prima posizione a Bottas, battuto di 298 millesimi. A far parlare è anche Lando Norris, terzo con la McLaren nonostante il mezzo secondo di ritardo.

Mercedes deve lavorare sull'assetto

Hamilton ha dato l'impressione di soffrire di un leggero sottosterzo, con la sua W12 che non chiudeva perfettamente le traiettorie, soprattutto nelle curve più strette. Situazione confermata dalla stessa Mercedes, che senza specificare su quale vettura ha parlato di lavoro di set-up all'anteriore. Questo però non ha impedito a Bottas di portarsi a casa il secondo tempo, segno che forse sente un po' più sua questa vettura rispetto ad Hamilton, il quale ha anche lamentato una certa instabilità al posteriore, soprattutto in frenata.

Vettel, continua il gioco dei nomi: ecco come si chiamerà la sua AMR21

Comportamento diverso per le SF21

Per la Ferrari tutto sommato una buona sessione, anche se è decisamente troppo presto esprimere bilanci. Leclerc ha chiuso 5° a 0"599, mentre Sainz si è piazzato 8° a poco meno di un secondo di distacco. Diverso il comportamento delle due SF21: il monegasco ha evidenziato un po' di sottosterzo, mentre la vettura dello spagnolo ha dato l'impressione di avere un po' di sovrasterzo.

GP Bahrain, due positivi in casa Aston Martin