Non sarà solo Mercedes contro Red Bull e Lewis Hamilton contro Max Verstappen, ma in un certo senso sarà anche Valtteri Bottas contro Sergio Perez. In un mondiale combattuto le seconde guide giocheranno un ruolo fondamentale, un ruolo che al momento il messicano sta interpretando molto meglio del finlandese, alle prese con l'inizio di stagione più difficile da quando è in Mercedes, cioè dal 2017. Fin qui, Valtteri ha raccolto solamente 47 punti in 6 GP, e secondo Helmut Marko non c'è dubbio che Bottas non sarà in Mercedes nel 2022.

GP Gran Bretagna e variante Delta: porte aperte, ma per quanti?


Scelta Russell non farà contento Hamilton

In un'intervista alla testata F1-insider, l'eminenza grigia della Red Bull ha parlato proprio del numero 2 di casa Mercedes, il quale secondo lui ha i giorni contati, aggiungendo subito che il team di Milton Keynes non sarà interessato. Riguardo alla promozione di George Russell in Mercedes, Marko ha detto di vederla come "Un passo logico. Non possono tenerlo ancora sulla corda, altrimenti l'investimento non avrebbe più senso. Anche se Hamilton non sarà contento di questo. Bottas non deve chiamarci, da noi non c'è spazio. Per lui posso solamente immaginare uno scambio con Russell, credo che per Valtteri la Williams rappresenti l'unica opzione".

Sterzi a parte: La Ferrari cambia dieta, mangia poco e spesso!


Bottas, quali opzioni?

Effettivamente la posizione di Bottas non è comodissima. Se dovesse perdere il sedile in Mercedes, per lui restare nel Circus non sarebbe facile: quasi tutti i volanti sono già stati assegnati ed un posto vacante sarebbe proprio in Williams, il team che lo ha lanciato nel 2013 e nel quale potrebbe fare ritorno dopo cinque stagioni con la Mercedes. Del resto, i piloti in scadenza sono pochi: oltre a lui ed Hamilton, non hanno ancora un contratto Ocon (che però, a quanto pare, ha già intavolato il rinnovo con Alpine) e la coppia dell'Alfa Romeo-Sauber.

Ferrari, Mekies: "Ottimizziamo la SF21"