GP Olanda, qualifiche: Verstappen in pole con brivido finale

GP Olanda, qualifiche: Verstappen in pole con brivido finale© Getty Images

Pole position per Max Verstappen nel ritorno della F1 in Olanda, con Lewis Hamilton che si ferma a soli 38 millesimi dal tempo della Red Bull. Ferrari in terza fila con Leclerc 5° e Sainz 6°, da applausi Giovinazzi con il 7° tempo

Matteo Novembrini

4 settembre

Una pole position salutata dal boato della marea "Orange" che in questi giorni sta riempiendo gli spalti dell'autodromo di Zandvoort. C'è Max Verstappen davanti a tutti al termine delle qualifiche del GP d'Olanda, con il pilota della Red Bull a precedere le Mercedes di Hamilton e Bottas. Ferrari in terza fila davanti a Giovinazzi.
 

Brivido finale per Max

Per poco Lewis Hamilton non riesce a rovinare la festa a Max Verstappen, portandosi ad appena 38 millesimi dall'1'08"885 valso la pole all'olandese. Terzo tempo per Bottas a 0"337, da applausi Gasly che porta l'AlphaTauri in seconda fila con un ritardo di 0"593. Terza fila tutta appannaggio della Ferrari con Leclerc 5° (+0"642) e Sainz 6° (ad appena un centesimo dal compagno). Grande qualifica da parte di Antonio Giovinazzi, che piazza l'Alfa Romeo in quarta fila con un tempo a 0"705 dalla pole. Dietro di lui Ocon, Alonso e Ricciardo.
 
FP2: i passi gara del venerdì

Q2: due Williams a muro

Sessione interrotta a poco meno di 4' dalla bandiera a scacchi per l'uscita di pista all'ultima curva di Russell, impegnato nell'assalto alla top ten. Alla ripartenza però a sbattere ci va l'altra Williams, quella di Latifi, a muro alla 8 con una dinamica molto simile a quella del compagno di squadra. Con soli 1'38" ancora da disputare la direzione gara decide di non riprendere la sessione, sancendo l'esclusione di Russell, Stroll, Norris, Latifi e Tsunoda. Sfortuna e poi fortuna per Antonio Giovinazzi, 10° e qualificato in Q3: al momento di cambiare gomma la squadra trova il dado spanato e quindi la ruota risulta impossibile da estrarre, cosa che gli impedisce di effettuare il secondo run in Q2; ma la seconda e definitiva interruzione impedisce agli altri di migliorare, salvando la posizione del pilota dell'Alfa Romeo.
 

Q1: Perez subito fuori!

Sin dal venerdì era prevedibile il problema del traffico nel Q1, e puntualmente accade: a farne le spese è Sebastian Vettel, che nel suo ultimo tentativo prende il traffico all'ultima curva delle due Haas di Mazepin e Schumacher (entrambi investigati), dovendo abortire il suo giro e restando escluso con il 17° tempo. Non è però la notizia più clamorosa di inizio qualifica, perché a restare fuori dal Q2 è addirittura Sergio Perez, eliminato con il 16° tempo dopo non essere riuscito ad effettuare il secondo tentativo. Con il messicano della Red Bull ed al tedesco dell'Aston Martin fuori anche Kubica, Schumacher e Mazepin.
 

La griglia di partenza

Fila 1: 1. Max Verstappen (Red Bull) 1'08"885 2. Lewis Hamilton (Mercedes) +0"038
Fila 2: 3.Valtteri Bottas (Mercedes) +0"337  4. Pierre Gasly (AlphaTauri)  +0"593
Fila 3: 5. Charles Leclerc (Ferrari) +0"642  6. Carlos Sainz (Ferrari) +0"652
Fila 4: 7.Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo) +0"705 8. Esteban Ocon (Alpine) +1"048
Fila 5: 9. Fernando Alonso (Alpine)  +1"071 10. Daniel Ricciardo (McLaren) +1"281
Fila 6: 11. George Russell (Williams) 12. Lance Stroll (Aston Martin)
Fila 7: 13. Lando Norris (McLaren) 14. Nicholas Latifi (Williams)
Fila 8: 15. Yuki Tsunoda (AlphaTauri) 16. Sergio Perez (Red Bull)
Fila 9: 17. Sebastian Vettel (Aston Martin)  18. Robert Kubica (Alfa Romeo)
Fila 10: 19. Mick Schumacher (Haas) 20. Nikita Mazepin (Haas)

I tempi

 

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi