Le domande sul futuro ci sono sempre, ma stavolta più mirate e meno scomode, perché i piani di Valtteri Bottas sono stati finalmente svelati. Era diventato un po' il segreto di Pulcinella, ma in settimana la Mercedes ha ufficializzato tutto quanto: Russell a Brackley nel 2022 dopo aver aiutato il finlandese a trovare un altro sedile in Alfa Romeo.

Una nuova avventura all'orizzonte

Una vigilia del GP d'Italia strana per il numero 77, che in conferenza stampa non si è sottratto ad illustrare il suo futuro: "Perché ho scelto l'Alfa Romeo-Sauber? Perché è un'avventura emozionante, parliamo di un grande marchio con una grande storia nel motorsport e, in base alle informazioni che ho, la squadra ha la possibilità di avere un futuro brillante e spero di poterla aiutare. Si tratta di qualcosa di nuovo ed entusiasmante per me, è un nuovo progetto. Ci sarà del lavoro da fare ma metterò a disposizione tutta la mia esperienza per cercare di crescere insieme. Realisticamente lottare per delle vittorie il prossimo anno sarà improbabile, ma non si sa mai. Abbiamo davanti un cambio di regolamento, c'è un grande gruppo di persone molto motivate e darò tutto il possibile per arrivare al vertice il prima possibile. Servirà una una mentalità diversa ed un approccio diverso, come ho detto è un progetto nuovo e sono desideroso di dare il mio contributo".

Williams? No grazie

Bottas ha confermato le trattative con la Williams, ma alla fine ha preferito l'Alfa per il modo in cui hanno presentato i piani futuri: "Alla fine le cose sono andate nel verso che volevo, sono contento. Sono grato del fatto che si aspettano che sia io la persona giusta per il team. Hanno piani molto seri riguardo al futuro. Alfa Romeo, come marchio, è impegnato in F1 da diversi anni, non voglio condividere troppe informazioni ma posso dire che abbiamo grandi aspettative, grandi obiettivi e per me questo è davvero motivante".