Il Caso Giunti

Il Caso Giunti
La sua scomparsa nel gennaio del 1971, in Argentina, fu per il mondo dell'automobilismo qualcosa di sconvolgente. E AS passò dalla difesa delle corse alla richiesta di giustizia

29 gennaio 2013

Ogni maledetto gennaio la testa torna là. All’apocalisse del 38° passaggio della 1000 Km di Buenos Aires 1971, quando Beltoise spinge la sua Matra in panne secca tagliando il rampino che porta al traguardo, mentre una torma di prototipi da giri e giri continua a sventagliargli al fianco. Fino a che la 512 della Filipinetti guidata da Parkes fa il pelo alla tartaruga blu e la 312 Pb, nella sua scia, la centra e deflagra. Perché quella palla di fuoco non è solo cronaca d’una tragedia evitabile che rapisce un pilota forte e uno uomo stupendo, un 29enne pieno di sogni, no, resta ormai inchiodata nell’anima come un’epopea giornalistica, un inceppo di civiltà, vergogna che diventa dibattito, confr

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi