In edicola un nuovo numero di AS Gold Collection: la Ferrari di Montezemolo

In edicola un nuovo numero di AS Gold Collection: la Ferrari di Montezemolo

Nascita e fine di un ciclo, inizato tra le difficoltà, ma che è diventato uno dei più vincenti della storia del motorsport

Redazione

29 novembre

Lo sguardo incollato al soffitto. Ricordi. Emozioni. Ansie. Non chiuse occhio tutta la notte. E quando l’avvocato si tirò su dal letto all’alba di un nuovo giorno andò incontro al suo destino. Era il 15 novembre del 1991. Trenta anni fa la storia prendeva un nuovo corso dalle parti di Maranello. Nasceva una la Ferrari di Luca Cordero di Montezemolo.

A 44 anni il manager bolognese diventava presidente della Ferrari. Racconta: «Trovai un’azienda in cui ogni due minuti mi si diceva :“Se fai questo Enzo Ferrari si rivolterà nella tomba”. Non era vero, lui guardava sempre avanti. C’era un ambiente da liquidazione. Non dico che arrivai al punto di pensare di dover fare il liquidatore della Ferrari, ma certo non immaginavo di trovare un’azienda in quelle condizioni. Pochi mesi dopo il mio insediamento il New York Times pubblicò un articolo sulla Ferrari finita in cassa integrazione. L’ultimo mondiale di F.1 vinto era datato 1979 e i piazzali erano pieni di auto invendute perché non più appetibili. Era un momento un cui si parlava di far fare alla Ferrari le cabine per i trattori».

Montezemolo ricorda le difficoltà di quei giorni da uomo solo al comando di un’azienda troppo votata al passato che lui rivoltò come un calzino con grande coraggio e senso della sfida. Questo numero di Autosprint Gold Collection è il racconto di un’avventura che è entrata nella storia dello sport e del costume italiano. 

Una vita interamente intrecciata a quella di un’azienda e di una scuderia senza eguali al mondo.

  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi