da Hockenheim: Alessandro Gargantini Ieri Jamie Green sull’asciutto, oggi Mattias Ekstroem sul bagnato. Le Audi si confermano al top nella prova d’apertura del DTM a Hockenheim grazie all’ex campione svedese, davvero imprendibile sotto il diluvio. Il nordico pilota del team Abt ha preceduto il nostro Edoardo Mortara, che però non è mai parso in grado di impensierire il compagno di squadra. Alle spalle del duo di Dieter Gass ha tenuto banco la bella rimonta di Gary Paffett che, scattato dalle retrovie, è risalito come un leone sino a conquistare il gradino più basso del podio. L’inglese ha curiosamente preceduto sotto la bandiera a scacchi Martin Tomczyk, che nella corsa precedente lo aveva urtato all’arpino, causando il ritiro di entrambi tra mille polemiche. Il campione in carica della categoria Marco Wittmann, che nelle prime fasi di gara aveva anche occupato la prima posizione, è scivolato fino al quinto posto. La pioggia, tanto attesa, è scesa copiosa nella fase centrale della gara, quando tutti i piloti erano in procinto di effettuare il cambio gomme. Edoardo Mortara, tra i primi a rientrare nella pit-lane assieme proprio a Ekstroem, era riuscito ad acciuffare la prima posizione, ma non è poi riuscito a contenere la furia dello svedese. Jamie Green, vincitore di gara uno, è stato rallentato in qualifica da Maxi Goetz e non è riuscito ad andare oltre la tredicesima posizione. Il prossimo appuntamento stagionale è previsto al Lausitzring nell’ultimo fine settimana di maggio. LA CLASSIFICA HockenheimDTM

Guarda la fotogallery

 

Gara 1: Green apre le danze

Incontrastata vittoria di Jamie Green nella “prima” stagionale del DTM. Il driver del team Rosberg, già autore della pole nella sessione mattutina di 20 minuti, è scattato come una saetta dalla pole e sin dal primo giro è riuscito ad acquisire un vantaggio di oltre due secondi. Nemmeno due safety-car, scese in pista per liberare il tracciato da alcune vetture incidentate, sono riuscite a deconcentrare il britannico, che ha saldamente guidato il gruppo. Nella lotta per la piazza d’onore, soltanto sul finale Pascal Wehrlein è riuscito ad avere la meglio su Paul di Resta, afflitto da alcuni problemi ai freni. Buon quarto posto per Edoardo Mortara, che non è mai riuscito ad attaccare seriamente il duo della Mercedes che lo ha lungamente preceduto. L’italiano di Ginevra ha guidato i compagni di marca Mike Rockenfeller e Nico Mueller. Il migliore fra gli alfieri BMW è stato Maxime Martin, settimo, mentre Augusto Farfus, che aveva siglato il terzo tempo in qualifica, è stato retrocesso in ultima fila in griglia in quanto nel serbatoio della sua vettura erano rimasti meno di 500 grammi di benzina. La corsa, disputata sulla distanza di quaranta minuti più un giro, è stata molto combattuta. Ben otto vetture sono rimaste coinvolte in uscite di pista. La più spettacolare ha visto protagonisti, all’arpino, Martin Tomczyk, Gary Paffett e Lucas Auer. Il driver tedesco ha perso il controllo in frenata ed è finito rudemente contro le due Mercedes. La seconda corsa del week-end si disputerà domani alle 13,45. Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER Motorsports / DTM 1. race Hockenheimring, GER