A Shanghai dominano ancora le Citroen. In Cina la Casa francese si è matematicamente aggiudicata per la seconda volta consecutiva il titolo Costruttori. Per quanto riguarda il campionato piloti, uscito di scena definitivamente Loeb, a combatterselo restano solo in due: Lopez e Muller, con l’argentino campione virtuale, pronto a bissare il primo successo ottenuto nella categoria nel 2014. La Citroen in Cina ha fatto ancora una volta la voce grossa. In qualifica ha messo quattro macchine nella top five della Q3, con l'ennesima pole di Lopez. Solo Catsburg (terzo con la Lada) è rientrato nell’Olimpo, dominato dalla Casa transalpina. Gara 1 ha visto salire sul podio tre Citroen guidate, nell’ordine, da Lopez, Muller e Loeb. Catsburg (Lada), Bennani (Citroen) e Michelisz (Honda) si sono piazzati nelle immediate retrovie. In gara 2 orgogliosa prova di Gabriele Tarquini, che in gara 1 era stato messo KO da un contatto. L’abruzzese e la sua Honda hanno a lungo tenuto la testa della corsa. Poi Tarquini si è dovuto arrendere a Muller, chiudendo però la porta a Lopez, finito terzo. Nel Trofeo Yokohama da registrare la doppietta del marocchino Bennani (Citroen). Il gap di Muller su Lopez è di 75 punti, con 110 ancora sul piatto. Il prossimo round (il penultimo) si svolgerà in Malesia l'1 novembre. Enrico Rosi Cappellani