Piloti gentlemen e nuove leve in griglia di partenza ma anche sul podio per il terzo round della Seat Ibiza Cup, che sul circuito di Scarperia ha totalizzato 18 partenti: un record, considerando che si tratta della sesta edizione del monomarca al volante della "piccola" della Casa di Martorell.

Due le manche disputate nel contesto dell'Aci Racing Weekend, la prima il sabato e l'altra la domenica: due mini-endurance da 48 minuti più un giro con sosta obbligatoria per l'eventuale cambio pilota fra il 20° e il 30° minuto di gara.

La prima frazione è stata vinta da Roberto Ferri, che si è piazzato davanti a Gabriele Volpato, quest'anno in coppia con Lorenzo Paggi. Terzo posto importante in ottica campionato per  Gabriele Torelli davanti ad una Alessandra Brena sempre più veloce e capace di piazzarsi in quarta posizione.

In gara2 Roberto Ferri scatta come un fulmine dall'ottava casella in griglia e alla staccata della San Donato è già al comando. Il pilota gentleman, che due anni fa ha vinto il titolo nell'Ibiza Cuo, prova a bissare la vittoria ma nelle fasi finali, mentre era in bagarre con Torelli, parcheggia in ghiaia per un problema ai freni. Finale rocambolesco, deciso all'ultimo giro, con Torelli in testa alla gara ma penalizzato di 20 secondi per aver migliorato il proprio intermedio in regime di bandiere gialle. Fino all'ultimo giro sembra che la vittoria vada nelle mani dell'inseguitore Giulio Tommasin, che però taglia il traguardo a 20 secondi e 9 decimi da Torelli, che una volta rientrato ai box scopre di aver vinto per 9 decimi proprio davanti a Tommasin. Terza piazza per un William Selmo capace di risalire dalla sedicesima posizione al via. 

Ospite d'eccezione all'Ibiza Cup al Mugello l'inviato di "Striscia La Notizia" Edoardo Stoppa, al debutto nelle gare in pista.  Stoppa ha corso gara1 e si è classificato decimo al traguardo con un'ottima progressione nei tempi su giro. Sfortunato in gara2 perché la sua Ibiza ha avuto un problema alla cinghia dell'alternatore, causando l'inevitabile ebollizione del liquido di raffreddamento, che lo ha indotto al ritiro.

"Avevo partecipato qualche anno fa ad un Rally di Monza ma correre una gara di velocità in pista e prendere il via in una partenza lanciata è tutta un'altra cosa", ha detto Edoardo Stoppa. "In questo weekend ho dovuto imparare molte cose velocemente e mi ha aiutato molto il simulatore racing portato nel paddock da Seat Motorsport Italia e che trasferisce tutte le sensazioni della pista sia perché l'abitacolo è una vera Ibiza da corsa, sia perché si appoggia su una speciale piattaforma che simula anche il movimento della vettura e capisci anche chiaramente la reazione della macchina quando prendi un cordolo. Adesso capisco perché anche i piloti professionisti si allenano molto al computer!"

Edoardo Stoppa tornerà in gara nell'ultimo round dell'Ibiza, a Monza, il 29 e 30 ottobre.