Il team Orange1 FFF Racing vince la 3 Ore di Barcellona e regala a Lamborghini il titolo sia nel campionato Blancpain GT Series sia nella Endurance Cup, centrando una storica tripletta tre settimane dopo il successo nel GT World Challenge Europe. Protagonisti i Lamborghini Factory Driver Andrea Caldarelli e Marco Mapelli, eccezionalmente affiancati da Albert Costa, che ha sostituito Dennis Lind, costretto a dare forfait per problemi di salute, al volante della Huracán GT3 Evo n. 563.
 
Proprio a Costa è toccato l’onore del primo turno di guida: scattato dal terzo posto ha subito conquistato la leadership, poco prima che si rendesse necessario l’intervento della Safety Car in seguito a un incidente della Porsche numero 54, finita contro le barriere. Tutto da rifare alla ripartenza, con Costa costretto a cedere le posizioni guadagnate su richiesta della direzione gara.
 
Dopo un’ora di gara Costa è tornato ai box per lasciare il volante della Huracán GT3 Evo n. 563 a Marco Mapelli. Grazie ad un pit stop perfetto, Mapelli si è ritrovato secondo, attaccato al posteriore della Mercedes n. 4 pilotata da Luca Stolz. Portatosi subito all’attacco, Mapelli ha realizzato un gran sorpasso e preso il comando di una gara frammentata da safety car e full course yellow. A un’ora dal termine, Mapelli ha consegnato vettura e leadership al compagno di squadra Caldarelli, abile nel gestire il vantaggio e la pressione portata dalla Mercedes n. 4, affidata a Buurman nell’ultimo stint.

Le parole dei protagonisti

Caldarelli, pilota e team principal Orange1 FFF Racing, ha tagliato il traguardo in solitaria e sceso dalla Huracán GT3 Evo n. 563 ha faticato a trattenere l’emozione: “Sono senza parole. E’ stata una stagione difficilissima ma siamo stati competitivi in ogni gara. Complimenti  a tutti i ragazzi del team che hanno fatto un lavoro straordinario e ad Albert che ci ha aiutato tantissimo in questo weekend. Mi spiace per Dennis, avrebbe meritato di festeggiare anche lui sul podio con noi”.
 
Marco Mapelli ha commentato: “E’ stata una stagione difficile e a maggio ragione il team si merita questo titolo: tutti i ragazzi hanno lavorato incessantemente per questo risultato fin da inizio stagione. Loro non hanno mai smesso di crederci e hanno trasmesso questa fiducia a tutti noi”.
 
Stefano Domenicali, CEO Automobili Lamborghini, ha dichiarato: “Vincere è difficile. Confermarsi ancora di più. Essere il primo costruttore a vincere i tre titoli nelle GT Series ci riempie d’orgoglio. Questo è solo un punto di partenza verso nuovi e più ambiziosi traguardi. I miei complimenti alle donne e agli uomini della nostra Squadra Corse, che in poche stagioni hanno portato il marchio Lamborghini ai vertici in tutti i più importanti campionati GT”.
 
Maurizio Reggiani, Chief Technical Officer Automobili Lamborghini, ha dichiarato: “La Huracán GT3 Evo ha dimostrato alla prima stagione di essere una vettura vincente, sia nelle gare Endurance sia nelle gare Sprint. La nostra principale soddisfazione è aver nuovamente trasferito su pista l’eccellenza delle nostre vetture stradali, grazie a un costante lavoro di ricerca e sviluppo”.
 
Giorgio Sanna, Head of Motorsport Automobili Lamborghini, ha dichiarato: “La tripletta nel Blancpain GT Series è la conclusione di una stagione straordinaria, iniziata con la vittoria alla 24 Ore di Daytona e proseguita con la doppietta alla 12 Ore di Sebring. Voglio fare le mie più sentite congratulazioni ai ragazzi del team Orange1 FFF Racing: alla loro prima esperienza nel più importante e impegnativo campionato GT3 al mondo, hanno dimostrato di essere una squadra di prim'ordine e che, ne sono certo, contribuirà a regalare altri successi al nostro marchio”.