INDIANAPOLIS - Finisce in regime di bandiere gialle, con Tony Kanaan che conquista la prima vittoria a Indianapolis alla 12esima partecipazione. Vince il pilota brasiliano di Jimmy Vasser, circondato a tenaglia negli ultimi giri da ben tre piloti del team Andretti: Carlos Munoz, Ryan Hunter-Reay e Marco Andretti. Si doveva decidere tutto all’ultimo restart, a 3 giri dal termine, dopo la neutralizzazione perché Graham Rahal era andato a muro. All’ultima ripartenza invece, Tony Kanaan brucia subito Hunter-Reay che si trova al comando e pochi attimi dopo, Dario Franchitti sbatte. Esce di nuovo la safety-car e la 500 Miglia di Indianapolis finisce virtualmente in quel momento, con Michael Andretti che rimane di sale perché, nonostante tre piloti al top e la vettura più veloce, non riesce a vincere la gara. Ancora una volta la maledizione di Indy colpisce la famiglia Andretti.

Potete leggere l'articolo completo sul numero 21 di Autosprint