La 200 Miglia corsa sulla pista di Mid-Ohio per la serie Indycar ha visto la vittoria finale di Charlie Kimball davanti a Simon Pagenaud di soli 5 secondi e mezzo. Più staccato a podio è Dario Franchitti, mentre il nostro Luca Filippi che debuttava nel campionato in questa gara ha ottenuto il 16° posto finale dopo essere partito ultimo. L'episodio di gara decisivo è stato all'ultima sosta di Pagenaud, quando è stato ostacolato da Viso favorendo il sorpasso di Kimball, che una volta al comando non l'ha più mollato fino alla fine per i restanti 27 giri: in questo modo il californiano è diventato il quarto pilota alla prima vittoria questa stagione, oltre che il nono diverso vincitore in 14 gare. Bella lotta anche per il 6° posto alle spalle del poleman Ryan Hunter-Reay, con Helio Castroneves a guidare una fila di macchine in cui soprattutto Scott Dixon (7°) ha cercato di insidiarlo pensando alla classifica generale, che ora vede Castroneves e Dixon staccati di 31 punti al 1° e 2° posto, mentre Hunter-Reay è 3° a 65 punti. Per quanto riguarda la gara del "rookie" Luca Filippi, nella foto, partito solo 24° dopo che gli erano stati annullati i due migliori tempi in qualifica (mentre era 4°) per aver causato l'esposizione della bandiera rossa a causa di una sua uscita di pista per via delle gomme fredde, ha recuperato con caparbietà fino alla 14esima posizione, che ha perso proprio all'ultimo giro mentre stava doppiando Sato: il giapponese lo ha ostruito permettendo a Oriol Servia e Davison di scavalcarlo. Così Filippi si è classificato 16°. Una prestazione, e ci riferiamo soprattutto a quella nella prima parte della qualifica, che comunque non è passata inosservata nell'ambiente. m.v.