Indycar 2020, debutta l'Aeroscreen firmato Red Bull

Indycar 2020, debutta l'Aeroscreen firmato Red Bull

La serie americana ha scelto la soluzione scartata dalla Formula 1. Il dispositivo è, in realtà, un mix di Halo e Aeroscreen, è stato sviluppato da Red Bull Advanced Technologies e verrà perfezionato anche con Dallara

Fabiano Polimeni

24 maggio 2019

Non è l’Aeroscreen che provò la Formula 1 nel 2016. Le brevissime uscite nel corso delle libere 1 furono sufficienti a rilevare i problemi principali del dispositivo sviluppato, allora, da Red Bull: anzitutto, la distorsione della visuale, segnalata da Vettel.

L’Aeroscreen che utilizzerà la Indycar dal 2020 è piuttosto diverso. Sviluppato da Red Bull Advanced Technologies, ne è stata confermata l’introduzione dal prossimo campionato. Prima, in estate, verrà testato e sviluppato ulteriormente con prove in pista da parte di alcune squadre. In autunno, la struttura di protezione verrà consegnata a tutti i team.

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi autosprint su tutti i tuoi dispositivi