Su uno dei suoi tracciati preferiti, il veloce triovale di Fort Worth, a due ore e mezza di strada da Austin, dove si correva il Gran Premio degli Stati Uniti, Kevin Harvick ha centrato con la vittoria nella AAA Texas 500 l'accesso alla fase finale dei playoff Nascar 2019. Harvick ha così raggiunto Martin Truex, che aveva primeggiato nel precedente appuntamento a Martinsville. Il californiano, che è alla ricerca del suo secondo titolo dopo quello vinto nel 2014, ha guidato una tripletta del team Stewart-Haas, trovando quella capacità di lottare al vertice che negli ultimi appuntamenti era un po' mancata. Il tutto, nonostante una penalità che a metà gara l'aveva visto finire in coda al gruppo per via di una gomma caduta nella sua piazzola prima dell'arrivo della vettura. Confermando la supremazia della squadra di casa Ford, Aric Almirola e Daniel Suarez hanno conquistato il secondo e il terzo posto.

A far scalpore sono stati però anche gli incidenti che hanno tolto dalla lotta tanti dei protagonisti. Al Texas Motor Speedway, la traiettoria esterna, per quanto veloce, si è rivelata insidiosissima per via del ridotto grip e sono stati in tanti a caderne vittime. Due su tutti: Chase Elliott e Denny Hamlin. Fermato da un problema tecnico nell’appuntamento precedente, il pilota del team Hendrick può solo sperare in una vittoria a Phoenix dato che i punti conquistati non saranno sufficienti per garantirgli una vera chance. Ma lo stesso discorso vale per Denny Hamlin, anche lui tradito dalla parte alta della pista. Il pilota della Virgini, vinictore della Daytona 500, sembrava il favorito dell’intera stagione, ma dopo aver perso il posteriore al giro 40, è finito nell’erba interna della pista, danneggiato la sua Toyota in modo consistente chiudendo ventottesimo. Mentre Kyle Busch occupa la terza posizione in graduatoria a pari punti con Harvick, e dovrebbe riuscire mantenerla comunque vadano le cose, L’ultimo piazzamento “buono”  è di Joey Logano. Il pilota di Penske, quarto anche in gara in Texas, è 20 punti avanti rispetto a Hamlin ma, ovviamente, un successo di un rivale fuori dalle prime 4 posizioni in Arizona lo estrometterebbe automaticamente dalla lotta.

Comunque, anche altri protagonisti sono finiti nelle barriere, a partire da Brad Keselowski (subito seguito da Ricky Stenhouse), già escluso dalla lotta per il titolo, e Jimmie Johnson, che aveva condotto le ostilità brevemente prima della metà gara. Guai anche per Bubba Wallace, Garrett Smithley e David Ragan. In top-10 si sono piazzati anche Alex Bowman, Truex, Kyle Busch, Ryan Blaney e Kurt Busch, fresco di rinnovo pluriennale col team Ganassi. Da segnalare anche il debutto di John Hunter Nemecheck, che ha sostituito Matt Tifft vittima di un attacco di convulsioni a Martinsville. Il giovane figlio d'arte ha chiuso ventunesimo, davanti ai compagni di squadra e soprattutto al padre Joe. 

L’ordine di arrivo della AAA Texas 500 di Fort Worth:

1 - Kevin Harvick (Ford) – Stewart/Haas - 334 giri
2 - Aric Almirola (Ford) – Stewart/Haas - 334
3 - Daniel Suarez (Ford) – Stewart/Haas - 334
4 - Joey Logano (Ford) – Penske - 334
5 - Alex Bowman (Chevy) – Hendrick - 334
6 - Martin Truex Jr (Toyota) – Gibbs - 334
7 - Kyle Busch (Toyota) – Gibbs - 334
8 - Ryan Blaney (Ford) – Penske - 334
9 - Kurt Busch (Chevy) – Ganassi - 334
10 - Erik Jones (Toyota) – Gibbs - 334

Il campionato

1. Truex 4133; 2. Harvick 4113; 3. Kyle Busch 4113; 4. Logano 4111; 5. Hamlin 4091.